Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 66

''Emeroteca Storica Salentina'': la Biblioteca "N. Bernardini'' riapre le pagine della nostra Storia

Torna a essere fruibile l”Emeroteca Storica Salentina” della Biblioteca “N. Bernardini” di Lecce. Si tratta, com’è noto, di una collezione unica, con oltre cento testate locali non più attive, partendo dal “Cittadino Leccese” del 1861. 

La creazione dell’Emeroteca si deve all’opera appassionata del direttore Nicola Bernardini, giornalista, storico e collezionista. A lui è intitolata la stessa Biblioteca di Lecce, istituita nel 1863, che si trova in piazzetta Carducci, presso il Convitto Palmieri.

Lo stesso Bernardini ne fu direttore dal 1902, favorendone l’incremento del patrimonio librario, in funzione della specializzazione della biblioteca nel settore degli studi salentini. L’opera fu, poi, proseguita dallo storico Teodoro Pellegrino, a sua volta direttore della biblioteca dal 1935. Nicola Bernardini, laureato in giurisprudenza all’Università di Roma nel 1887, fu anche avvocato e giornalista: diresse il “Corriere Meridionale” dal 1890 e “La Provincia di Lecce”, da lui fondata nel 1896. Fu un appassionato collezionista di tutti i periodici stampati sul nostro territorio e di esemplari di giornali di tutto il mondo. Fu socio della Società Bibliografica Italiana, consigliere comunale e provinciale di Lecce e membro della Commissione Archeologica di Terra d’Otranto. Pubblicò un volume su “Giornali e Giornalisti Leccesi” (1886) e fu autore della “Guida della stampa periodica italiana” (1890). Fu autore di vari studi di storia locale e di un saggio sulle origini della stampa a Lecce. Infine, collaborò anche all”Archivio Salentino” e alla “Rivista Storica Salentina”.  

Negli scorsi anni il laboratorio di restauro “Angelo Pandimiglio” di Viterbo ha eseguito un intervento di restauro di una cospicua parte dell’”Emeroteca Storica Salentina”. Sono così tornate a disposizione del pubblico le annate del “Corriere Meridionale” dal 1890 al 1927, della “Voce del Sud” dal 1954 al 1979 e della “Tribuna del Salento” dal 1959 al 1979.

Per il direttore del Polo Bibliomuseale di Lecce, Luigi De Luca, “la riapertura della storica emeroteca della nostra Biblioteca è un ulteriore momento che sancisce il ruolo centrale della ‘Bernardini’ nel contesto culturale del Salento intero. Il ‘Fondo Emeroteca’ è il prezioso frutto di oltre centocinquant’anni di paziente lavoro di collezione, riordino e restauro di molte generazioni di bibliotecari leccesi”. 

La cura, la sistemazione e, soprattutto, la possibilità di utilizzo dell’”Emeroteca Storica Salentina” sono state affidate a Gabriele De Blasi, bibliotecario della “Bernardini” da ventinove anni: “Sarà proprio grazie alle nostre raccolte di giornali che gli studiosi, ma anche le giovani generazioni, avranno l’occasione – letteralmente – di rivivere i grandi eventi storici degli ultimi centosessant’anni, attraverso quei ‘canali’, i nostri giornali, che raccontavano ‘in diretta’ quei fatti che, poi, sarebbero finiti sui libri di storia!”.

Per ora, l’”Emeroteca Storica Salentina” sarà a disposizione del pubblico nelle giornate di Martedì e Giovedì, dalle 8,30 alle 13,30. Successivamente, una volta terminate le operazioni di trasloco, riordino e riorganizzazione dei servizi dell’intera Biblioteca “N. Bernardini”, la fruizione sarà estesa ad almeno cinque giorni settimanali. 

Comunicato stampa

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 29

"Sex and the Museum": giovedì 13 febbraio al Castromediano il talk sull'esplorazione del proprio corpo

Giovedì 13 febbraio, a partire dalle ore 19.30, prende il via il terzo appuntamento della rassegna "Sex and the Museum" che, organizzata da Artem, coworking ubicato all'interno del Museo Castromediano, punta a promuovere le tematiche inerenti la salute sessuale intesa come attività in grado di sviluppare, nell'essere umano, la capacità di prendere decisioni consapevoli riguardo al proprio benessere psicosessuale e relazionale e di comunicare i propri bisogni nel rispetto di sé e dell’altro.

Il prossimo appuntamento riguarda "La conoscenza del proprio corpo, la masturbazione": ogni persona ha in sé, fin dall'infanzia, l’istinto di esplorazione. Nei primi anni di vita, però, maschi e femmine scoprono che le parti del corpo che danno piacere non possono essere toccate. Inizia così una scoperta del proprio corpo che è fatta di divieti, imbarazzo e, in qualche caso, patologia. Un esperto di storia dell'arte e una sessuologa, Andrea Laudisa e Azzurra Carrozzo, forniranno in proposito diverse chiavi di lettura sul tema aprendo un libero dibattito coi presenti.

Scienza e arte dialogheranno apertamente, lasciando spazio ad interventi e discussioni che coinvolgeranno il pubblico.

A seguire sarà proiettato "Shortbus" per la regia di John Cameron Mitchell, 2006.

L’arte nei suoi aspetti dirompenti, offre molteplici spunti di riflessione sulla sessualità umana, sul suo rapporto con le emozioni, sullo scardinamento dei tabù, e permette piena libertà di espressione sulle tematiche spesso oggetto di disapprovazione nella società moderna. Queste le prossime date:

27 febbraio alle ore 19.30

BDSM e altre parafilie - Esploreremo i limiti della sessualità umana, varcando la soglia della trasgressione, fin dove la perversione umana assume aspetti sconcertanti.

A seguire la proiezione di "Secretary" per la regia di Steven Shaimberg, 2003.

12 marzo alle ore 19.30

Eiaculazione femminile - Circa il 5% delle donne racconta di un fenomeno legato alla produzione di un liquido simile all'urina, meccaniscmo fisiologico spesso fonte di imbarazzo.

A seguire la proiezione del film "Acqua tiepida sotto un ponte rosso" per la regia di Shohei Imamura, 2001.

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 105

TeatroEssenza, sesta stagione

Tutto pronto per la sesta stagione della rassegna TeatroEssenza, organizzata dal Comune di Ortelle/Assessorato alla Cultura e dal Comitato di Gestione della Biblioteca “Maria Paiano” di Vignacastrisi con il coordinamento di Pasquale De Santis.

Cinque spettacoli più tre matinèe per le scuole, dall'11 febbraio al 28 aprile, con alcune stelle di prima grandezza dello spettacolo che confermano TeatroEssenza, grazie anche alla collaborazione con Tracce Creative e la Compagnia Salvatore Della Villa, tra le rassegne più interessanti di tutto il Salento e la Biblioteca “Maria Paiano” un centro culturale tra i più attivi.

Un ulteriore salto di qualità quello di quest'anno con cinque spettacoli degni dei più importanti palcoscenici nazionali.

Aprirà la rassegna martedì 11 febbraio Barbara De Rossi con “Un grande grido d’amore”, una straordinaria pièce, scritta dal genio di Josiane Balasko, ricca di esilaranti situazioni ed equivoci in un’atmosfera spesso deflagrante, ricca di suspense ma anche di tenerezza.

Il 29 febbraio sarà Pino Ingrosso a salire sul palco di TeatroEssenza per il suo personale omaggio a Pino Daniele con “Pino canta Pino”, spettacolo teatrale musicale che vedrà accanto all'artista salentino, Stefano Rielli (contrabbasso), Alesandro Casciaro (tastiere), Daniela Guercia (cori e colori percussivi). 

Il 26 marzo Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti porteranno in scena “Parlami D’amore”, opera  con cui, attraverso uno sguardo profondamente umano e con pungente ironia, Philippe Claudel affonda la lama nelle pieghe più intime e inconfessabili di un rapporto di coppia. 

L'8 aprile sarà la volta di Chiara Buratti con “L’ultimo giorno di sole”, spettacolo scritto per lei da Giorgio Faletti, che racconta di una donna che prima della fine del mondo, mentre tutti fuggono alla ricerca di un improbabile luogo dove potersi salvare decide di tornare nel paese dov'è nata. 

Chiude la rassegna per adulti il 18 aprile “Suite dei Sensi”, un concerto da camera (diretto dal M° Francesco Scarcella) per soprano Lucia Conte), mezzosoprano (Serena Scarinzi), ensemble (Le Armoniche Stravaganze) e voce recitante (Salvatore Della Villa) in cui la seduzione è declinata in un sorprendente itinerario drammaturgico. 

Tre gli appuntamenti mattutini per i ragazzi delle scuole di Ortelle e Vignacastrisi. Il 16 marzo 29nove porterà in scena “Quando ci mette la coda”, cortometraggio su testo di Andrea Camilleri, sulla legalità e sulle dipendenze da gioco con performance teatrale e la partecipazione di Ornella Gidiuli, Psicologa e Psicoterapeuta - Servizio Integrato Dipendenze - A.T.S. Galatina; sempre 29nove il 20 marzo proporrà “Teatro Ambiente”, spettacolo teatrale interattivo sul tema della raccolta differenziata; ultima matinèe il 28 aprile con Ultimi Fuochi che porterà sul palco “Il Mago di Oz”di Alessandra Crocco e Alessandro Miele con Alessandra Crocco, tratto da "Il meraviglioso mago di Oz" di F.L.Baum.

Come sempre, al termine di ogni spettacolo sarà offerta una degustazione di carne di qualità Or.Vi. accompagnata da vini DOC del territorio.

Inizio spettacoli ore 20.45. 

Biglietto singolo € 8,00 - Abbonamento cinque spettacoli € 30,00.

Info e prenotazioni: 329.7155894

Facebook.com/Biblioteca Maria Paiano

Comune di Ortelle 0836.958014 – www.comune.ortelle.le.it

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 73

Concerto inaugurale della nuova Banda musicale della Città di Lecce

Tutto pronto per il concerto inaugurale della nuova Banda musicale della Città di Lecce. L'appuntamento per i cittadini è fissato per domenica 9 febbraio alle ore 19.30 presso il Teatro Apollo. L'accesso sarà gratuito e gli spettatori potranno ritirare il proprio biglietto - fino ad esaurimento posti - presso il botteghino del Teatro a partire dalle ore 18.30 dello stesso giorno.

La Banda, costituita in memoria del Maestro Nino Farì, una figura cardine del panorama bandistico, sarà diretta dal Maestro Giovanni Pellegrini.

Di seguito i brani previsti nel programma musicale:

Sivigliana – Marcia Sinfonica di A. Di Zenzo;

Norma di V. Bellini – Sinfonia, “Casta Diva”

Traviata di G. Verdi – “Libiamo ne lieti calici”

Aida di G. Verdi – “Gloria all’Egitto”

Carmen di G. Bizet – Preludio, “ L’amour est un oiseau rébelle”

Cavalleria Rusticana di P. Mascagni – Intermezzo

L’Italiana In Algeri di G. Rossini – Sinfonia

Il Barbiere Di Siviglia di G. Rossini – “Largo al factotum”

Turandot di G. Puccini – “Nessun Dorma”, Finale di F. Alfano 

 

Il concerto sarà preceduto da un giro della banda per le vie del centro con partenza da Piazza Sant'Oronzo alle 16.30.

Comunicato stampa

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 105

Matinée Musicali al Museo Castromediano di Lecce: il programma dei concerti

Grazie alla collaborazione tra l’Associazione Mozart Italia e il Polo biblio-museale di Lecce, lo scorso 12 gennaio si è avviato un ciclo di concerti che si terrà fino alla tarda primavera all’interno della sezione archeologica del Museo Castromediano.

Domenica 26 gennaio sarà la volta di Ensemble Concentus con “Dolce amoroso focho”. Musiche e canti d’amore e di festa nelle Corti dell’Europa rinascimentale.

Le feste a Corte erano anzitutto un momento di protagonismo dei nobili, che rivaleggiavano tra loro nella grazia dei gesti e nell’agilità delle danze, sfoggiando abiti sontuosi di impareggiabile eleganza. 

Nelle Corti del Rinascimento mecenatismo artistico e musicale, liberalità e magnificenza, sono qualità tipiche dell’Uomo e della Donna di Palazzo. In questa cultura, la naturalezza dell’apparire, “senza che l’arte appaia” è la principale regola.

L'amore è ancora protagonista della musica e della poesia e certamente non è più motivo di introspezione, ma fa parte delle gioie della vita da cogliere e da godere pienamente ogni momento. Il programma prevede musiche di importanti autori dell’epoca, tra i quali: Tielman Susato, Claudin de Sermisy, Thoinot Arbeau, Jacques Moderne, Michael Praetorius, Domenico da Piacenza, Fabritio Caroso, Juan del Encina.

Ensemble Concentus è un gruppo composto da Vania Palumbo – Canto, Percussioni; Pier Paolo Del Prete – Violino; Gianluca Milanese – Flauti, Percussioni; Maurizio Ria – Viola da gamba; Angelo Gillo – Chitarra spagnola; Francesco Scarcella - Spinetta

Le matinée musicali si svolgeranno sempre di domenica, a partire dalle ore 11.00, e saranno precedute 60 minuti prima dell’inizio del concerto, da visite guidate gratuite al museo (per gruppi di almeno 10 persone, su prenotazione, telefonando al numero 338 4811133).

I luoghi della cultura non sono “contenitori” di attività, ma laboratori attivi, spazi di connessioni in cui si scambiano esperienze, saperi, visioni ed emozioni. Lo sperimenteremo anche con questo ciclo di concerti, coinvolgendo attivamente il pubblico nella conoscenza del patrimonio archeologico del museo e nel confronto serrato con la Venere degli stracci di Michelangelo Pistoletto, che fino al 31 marzo accoglierà i visitatori all’insegna del claim che abbiamo ideato nel giugno scorso: L’antico è contemporaneo. 

L’Associazione Mozart, nata a Lecce nel 2017, ha già al suo attivo numerose manifestazione di ampio respiro; il contributo dell’Assessorato all’industria turistica e culturale della Regione Puglia ha consentito ora la realizzazione di un vero e proprio programma concertistico che può essere consultato qui di seguito. 

Prosegue così il percorso di integrazione tra linguaggi e forme d’arte, insieme a una stretta collaborazione con le associazioni che operano con progettualità d’eccellenza sul territorio. 

Tutti i concerti saranno gratuiti. 

Ricordiamo che il Museo Castromediano è aperto ogni giorno, dal martedì alla domenica, dalle ore 9 alle ore 20.  Info:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 0832.37.35.69

 

 Programma completo concerti 

·     12 gennaio 2020: Valeria Vetruccio, Pianoforte

·     26 gennaio: Maurizio Ria, Ensemble Concentus

·     9 febbraio: Domenico Zezza – Gabriele De Carlo, Violino e Pianoforte

·     1 marzo: Luca Ciammarughi, Pianoforte

·     15 marzo: Roberto D’Urbano, Clarinetto

·     22 marzo: Marco Delisi – Corrado De Bernart, Flauto e Pianoforte

·     5 aprile: Stefano Sergio Schiattone, Chitarra

·     19 aprile: Costantino Mastroprimiano, Pianoforte

·     10 maggio: Pierluigi Ruggero, Violoncello

·     24 maggio: Trio Muller Pianoforte, violino, violoncello 

·     7 giugno Francesco Pareti, Pianoforte

·     14 giugno Francesco Scarcella: Le Armoniche stravaganze.

 

Comunicato stampa

Foto di repertorio

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.