Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 41

''I'm carnival'': Luigi Mastroianni ospite speciale delle ''Industrie Musicali''

Lo spettacolo musicale intriso di colori e di effetti speciali delle Industrie Musicali, si svolgerà sabato 29 febbraio in occasione di “I’m Carnival”.

Allo scoccare della mezzanotte, la nota discoteca di Maglie ospiterà in console Luigi Mastroianni, nell’ambito di un carnevale tutto da vivere all’insegna del divertimento e della buona musica. Direttamente da “Uomini e Donne”, il deejay catanese ed ex tronista del programma televisivo di Maria De Filippi, si posizionerà ai piatti nei panni dell’ospite d’eccezione per far ballare il popolo della notte sino alle ore piccole.

La serata sarà contornata dalle selezioni musicali di Andy, Marco Rollo, Simon P e Street Angel e dall’animazione di Marco Abati e Federico Cafiero. Durante la serata spazio anche alla sensualità della musica Dembow con le selezioni di Giorgio Sanghez e la voce di Nikol Caloro. Sulla pista latina, invece, si scateneranno gli appassionati dei balli caraibici con La Rubia, le selezioni musicali di El Guapo dj, le percussioni di Rolando e l’animazione di Cuore Cubano. Il tutto in collaborazione con Accademia Tumbao Cubano, Sabor Cubano, Cuore Cubano, Ahinamà, Irene Massaro Dancer, Onda caribe, Team Anastasia Dance Nardò, Asd Abor Cubano, Accademia Bailadora, New Aurora Dance. 

Ingresso in Lista Tropical. Per info +39 3331464749

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 21

Talenti in Palcoscenico 2020: i costumi da scena di Elena Cretì sfilano al Politeama Greco di Lecce

 

La grande danza giunge per la prima volta a Lecce attraverso il blasonato stage e concorso di danza internazionale "Talenti in Palcoscenico" che, organizzato dal Gruppo Valentini da ben 17 anni e con l'importante presenza del presidente di giuria Frederic Olivieri, direttore corpo di ballo del Teatro alla Scala, per l'edizione 2020 ha deciso di spostarsi nel capoluogo salentino. Lo stage, partito il 21 febbraio, si svolge presso l'Hotel Leone di Messapia, alle porte di Lecce, mentre il gran finale avrà luogo presso lo storico Teatro Politeama Greco di Lecce.

Sarà qui, martedì 25 febbraio, a partire dalle ore 20.00, che la costume designer leccese Elena Cretì, di recente annoverata come costumista tra i soci senior dell'ASC, Associazione Costumisti e Scenografi Italiani presieduta dal noto Carlo Poggioli (costume designer, tra gli altri, di "Loro" e "The new pope"), che ne conta solo 300 in tutta Italia, con una carriera ultraventennale nel mondo della moda votata alla danza, farà sfilare oltre 50 tutù professionali e semi professionali da lei disegnati e realizzati presso la sua sartoria nel cuore di Lecce, Degas, punto di riferimento per ogni ballerina e ballerino che da Lecce e dal Salento muove a passi di danza per il mondo.

Degas, fornitore tecnico ufficiale della manifestazione sin dalle prime edizioni, aprirà il galà alla presenza di un parterre d'eccezione formato dallo straordinario staff docenti giunto a Lecce per lo stage: i presidenti onorari Marisa Caprara, Maitre e presidente AIDA, e Frederic Olivieri, direttore corpo di ballo del Teatro alla Scala, Liane Mcrae, dell'English National Ballet School, Stephen Delattre, Direttore Artistico Delattre Dance Company a Mainz, Artan Tushi, Maestro Accompagnatore al Pianoforte della scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala, Igor Kirov, Direttore Balletto Teatro di Spalato, Darrel Toulon, già Direttore per oltre 10 anni Opera di Graz Austria  e oggi uno dei più apprezzati coreografi ospiti nelle più importanti compagnie in Europa, Attila Csiki, danzatore del New York City Ballet, Tokio Ballet Company, coreografo Lar Lubovitch Dance Company.

Sulle note dei più celebri brani di repertorio classico, sfileranno uno dopo l'altro i meravigliosi costumi da scena realizzati interamente a mano e indossati per l'occasione dalle ballerine partecipanti a Talenti in Palcoscenico, dal tutù più piccolo a quelli professionali che si ispirano ai grandi balletti di repertorio classico, da Paquita a La Bayadère passando per Le Corsaire.

Definiscono il carattere dei personaggi, lo esaltano, catturano lo sguardo e seguono le linee disegnate dalle ballerine nelle loro coreografie: così i costumi da scena di Elena Cretì, realizzati grazie ad uno staff altamente specializzato, diventano protagonisti assoluti raccontando una storia tutta salentina che parla di scrupolosa artigianalità, attenta ricerca di materiali e tessuti, arte e spettacolo, un trait d'union imprescindibile tra danza e stile del quale la designer leccese ha fatto un fiore all'occhiello da ben 25 anni diventando per tutti, semplicemente, "Degas".

Comunicato stampa

Nella foto copertina Elena Cretì

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 117

''Emeroteca Storica Salentina'': la Biblioteca "N. Bernardini'' riapre le pagine della nostra Storia

Torna a essere fruibile l”Emeroteca Storica Salentina” della Biblioteca “N. Bernardini” di Lecce. Si tratta, com’è noto, di una collezione unica, con oltre cento testate locali non più attive, partendo dal “Cittadino Leccese” del 1861. 

La creazione dell’Emeroteca si deve all’opera appassionata del direttore Nicola Bernardini, giornalista, storico e collezionista. A lui è intitolata la stessa Biblioteca di Lecce, istituita nel 1863, che si trova in piazzetta Carducci, presso il Convitto Palmieri.

Lo stesso Bernardini ne fu direttore dal 1902, favorendone l’incremento del patrimonio librario, in funzione della specializzazione della biblioteca nel settore degli studi salentini. L’opera fu, poi, proseguita dallo storico Teodoro Pellegrino, a sua volta direttore della biblioteca dal 1935. Nicola Bernardini, laureato in giurisprudenza all’Università di Roma nel 1887, fu anche avvocato e giornalista: diresse il “Corriere Meridionale” dal 1890 e “La Provincia di Lecce”, da lui fondata nel 1896. Fu un appassionato collezionista di tutti i periodici stampati sul nostro territorio e di esemplari di giornali di tutto il mondo. Fu socio della Società Bibliografica Italiana, consigliere comunale e provinciale di Lecce e membro della Commissione Archeologica di Terra d’Otranto. Pubblicò un volume su “Giornali e Giornalisti Leccesi” (1886) e fu autore della “Guida della stampa periodica italiana” (1890). Fu autore di vari studi di storia locale e di un saggio sulle origini della stampa a Lecce. Infine, collaborò anche all”Archivio Salentino” e alla “Rivista Storica Salentina”.  

Negli scorsi anni il laboratorio di restauro “Angelo Pandimiglio” di Viterbo ha eseguito un intervento di restauro di una cospicua parte dell’”Emeroteca Storica Salentina”. Sono così tornate a disposizione del pubblico le annate del “Corriere Meridionale” dal 1890 al 1927, della “Voce del Sud” dal 1954 al 1979 e della “Tribuna del Salento” dal 1959 al 1979.

Per il direttore del Polo Bibliomuseale di Lecce, Luigi De Luca, “la riapertura della storica emeroteca della nostra Biblioteca è un ulteriore momento che sancisce il ruolo centrale della ‘Bernardini’ nel contesto culturale del Salento intero. Il ‘Fondo Emeroteca’ è il prezioso frutto di oltre centocinquant’anni di paziente lavoro di collezione, riordino e restauro di molte generazioni di bibliotecari leccesi”. 

La cura, la sistemazione e, soprattutto, la possibilità di utilizzo dell’”Emeroteca Storica Salentina” sono state affidate a Gabriele De Blasi, bibliotecario della “Bernardini” da ventinove anni: “Sarà proprio grazie alle nostre raccolte di giornali che gli studiosi, ma anche le giovani generazioni, avranno l’occasione – letteralmente – di rivivere i grandi eventi storici degli ultimi centosessant’anni, attraverso quei ‘canali’, i nostri giornali, che raccontavano ‘in diretta’ quei fatti che, poi, sarebbero finiti sui libri di storia!”.

Per ora, l’”Emeroteca Storica Salentina” sarà a disposizione del pubblico nelle giornate di Martedì e Giovedì, dalle 8,30 alle 13,30. Successivamente, una volta terminate le operazioni di trasloco, riordino e riorganizzazione dei servizi dell’intera Biblioteca “N. Bernardini”, la fruizione sarà estesa ad almeno cinque giorni settimanali. 

Comunicato stampa

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 43

"Sex and the Museum": giovedì 13 febbraio al Castromediano il talk sull'esplorazione del proprio corpo

Giovedì 13 febbraio, a partire dalle ore 19.30, prende il via il terzo appuntamento della rassegna "Sex and the Museum" che, organizzata da Artem, coworking ubicato all'interno del Museo Castromediano, punta a promuovere le tematiche inerenti la salute sessuale intesa come attività in grado di sviluppare, nell'essere umano, la capacità di prendere decisioni consapevoli riguardo al proprio benessere psicosessuale e relazionale e di comunicare i propri bisogni nel rispetto di sé e dell’altro.

Il prossimo appuntamento riguarda "La conoscenza del proprio corpo, la masturbazione": ogni persona ha in sé, fin dall'infanzia, l’istinto di esplorazione. Nei primi anni di vita, però, maschi e femmine scoprono che le parti del corpo che danno piacere non possono essere toccate. Inizia così una scoperta del proprio corpo che è fatta di divieti, imbarazzo e, in qualche caso, patologia. Un esperto di storia dell'arte e una sessuologa, Andrea Laudisa e Azzurra Carrozzo, forniranno in proposito diverse chiavi di lettura sul tema aprendo un libero dibattito coi presenti.

Scienza e arte dialogheranno apertamente, lasciando spazio ad interventi e discussioni che coinvolgeranno il pubblico.

A seguire sarà proiettato "Shortbus" per la regia di John Cameron Mitchell, 2006.

L’arte nei suoi aspetti dirompenti, offre molteplici spunti di riflessione sulla sessualità umana, sul suo rapporto con le emozioni, sullo scardinamento dei tabù, e permette piena libertà di espressione sulle tematiche spesso oggetto di disapprovazione nella società moderna. Queste le prossime date:

27 febbraio alle ore 19.30

BDSM e altre parafilie - Esploreremo i limiti della sessualità umana, varcando la soglia della trasgressione, fin dove la perversione umana assume aspetti sconcertanti.

A seguire la proiezione di "Secretary" per la regia di Steven Shaimberg, 2003.

12 marzo alle ore 19.30

Eiaculazione femminile - Circa il 5% delle donne racconta di un fenomeno legato alla produzione di un liquido simile all'urina, meccaniscmo fisiologico spesso fonte di imbarazzo.

A seguire la proiezione del film "Acqua tiepida sotto un ponte rosso" per la regia di Shohei Imamura, 2001.

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 172

TeatroEssenza, sesta stagione

Tutto pronto per la sesta stagione della rassegna TeatroEssenza, organizzata dal Comune di Ortelle/Assessorato alla Cultura e dal Comitato di Gestione della Biblioteca “Maria Paiano” di Vignacastrisi con il coordinamento di Pasquale De Santis.

Cinque spettacoli più tre matinèe per le scuole, dall'11 febbraio al 28 aprile, con alcune stelle di prima grandezza dello spettacolo che confermano TeatroEssenza, grazie anche alla collaborazione con Tracce Creative e la Compagnia Salvatore Della Villa, tra le rassegne più interessanti di tutto il Salento e la Biblioteca “Maria Paiano” un centro culturale tra i più attivi.

Un ulteriore salto di qualità quello di quest'anno con cinque spettacoli degni dei più importanti palcoscenici nazionali.

Aprirà la rassegna martedì 11 febbraio Barbara De Rossi con “Un grande grido d’amore”, una straordinaria pièce, scritta dal genio di Josiane Balasko, ricca di esilaranti situazioni ed equivoci in un’atmosfera spesso deflagrante, ricca di suspense ma anche di tenerezza.

Il 29 febbraio sarà Pino Ingrosso a salire sul palco di TeatroEssenza per il suo personale omaggio a Pino Daniele con “Pino canta Pino”, spettacolo teatrale musicale che vedrà accanto all'artista salentino, Stefano Rielli (contrabbasso), Alesandro Casciaro (tastiere), Daniela Guercia (cori e colori percussivi). 

Il 26 marzo Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti porteranno in scena “Parlami D’amore”, opera  con cui, attraverso uno sguardo profondamente umano e con pungente ironia, Philippe Claudel affonda la lama nelle pieghe più intime e inconfessabili di un rapporto di coppia. 

L'8 aprile sarà la volta di Chiara Buratti con “L’ultimo giorno di sole”, spettacolo scritto per lei da Giorgio Faletti, che racconta di una donna che prima della fine del mondo, mentre tutti fuggono alla ricerca di un improbabile luogo dove potersi salvare decide di tornare nel paese dov'è nata. 

Chiude la rassegna per adulti il 18 aprile “Suite dei Sensi”, un concerto da camera (diretto dal M° Francesco Scarcella) per soprano Lucia Conte), mezzosoprano (Serena Scarinzi), ensemble (Le Armoniche Stravaganze) e voce recitante (Salvatore Della Villa) in cui la seduzione è declinata in un sorprendente itinerario drammaturgico. 

Tre gli appuntamenti mattutini per i ragazzi delle scuole di Ortelle e Vignacastrisi. Il 16 marzo 29nove porterà in scena “Quando ci mette la coda”, cortometraggio su testo di Andrea Camilleri, sulla legalità e sulle dipendenze da gioco con performance teatrale e la partecipazione di Ornella Gidiuli, Psicologa e Psicoterapeuta - Servizio Integrato Dipendenze - A.T.S. Galatina; sempre 29nove il 20 marzo proporrà “Teatro Ambiente”, spettacolo teatrale interattivo sul tema della raccolta differenziata; ultima matinèe il 28 aprile con Ultimi Fuochi che porterà sul palco “Il Mago di Oz”di Alessandra Crocco e Alessandro Miele con Alessandra Crocco, tratto da "Il meraviglioso mago di Oz" di F.L.Baum.

Come sempre, al termine di ogni spettacolo sarà offerta una degustazione di carne di qualità Or.Vi. accompagnata da vini DOC del territorio.

Inizio spettacoli ore 20.45. 

Biglietto singolo € 8,00 - Abbonamento cinque spettacoli € 30,00.

Info e prenotazioni: 329.7155894

Facebook.com/Biblioteca Maria Paiano

Comune di Ortelle 0836.958014 – www.comune.ortelle.le.it

Comunicato stampa

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.