Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 144

Al via Extra Convitto. Più Lib(e)ri in Piazza

La Biblioteca Bernardini di Lecce si trasferisce in piazzetta Carducci per tutta la stagione estiva: dal 12 giugno ombrelloni, tavoli e poltroncine accoglieranno, ogni giorno dalle 8.30 alle 22.00 (su prenotazione: 0832.37.35.76 – ore ufficio oppure messaggio WhatsApp allo stesso numero), studenti e cittadini in questa inedita sala lettura, garantendo tutte le norme di sicurezza, ma senza dimenticare l’impegno culturale attraverso un fitto calendario di iniziative che si svolgeranno per tutta la stagione estiva, tra talk, presentazioni di libri e laboratori. 

Dalle grandi sale interne, la biblioteca si trasferisce quindi sotto il cielo della città – a stretto contatto con la movida e i ritmi quotidiani di turisti e cittadini che ogni giorno transitano per le vie del centro storico –, per proseguire così l’impegno avviato dal Polo biblio-museale di Lecce rispetto alle comunità che hanno abitato i suoi luoghi fino al giorno prima del lockdown, garantendo servizi di prestito e assistenza per ricerche bibliografiche e non solo, mettendo a disposizione alcuni tablet per la navigazione internet e accesso alla rete per connessioni al sito bibliando (tutti i giorni dalle 8.30 alle 22).

Ridefinire il futuro della cultura vuol dire anche ripensare con creatività e cura i suoi luoghi: e la rinascita, nell’epoca del post Covid, non può che avvenire nello spazio aperto e pubblico, in un clima di condivisione e impegno condiviso.

Uscire in piazza vuol dire infatti condividere, confrontarsi e immaginare – insieme – nuovi spazi d’azione per la cultura e la crescita comune.

Il 12 giugno alle 18Extra Convitto. Più Lib(e)ri in Piazza sarà avviato con una lettura corale ad alta voce (su prenotazione) che coinvolgerà la comunità dei lettori che frequentano la biblioteca, i giovani migranti coinvolti nel progetto Il viaggio di Sindbade i il gruppo di lettura Rosantina. Rosantinaè un gruppo aperto e non convenzionale di letture ad alta voce, composto da oltre venti lettori, che si riunisce da anni tutti i venerdì. Nella serata del 12, il gruppo leggerà dei brani per noi e proporrà una mostra fotografica:una raccolta di scatti eseguiti da Stefania Martino, che testimoniano gli incontri periodici del gruppo all’interno del Caffè letterario di Lecce, dove vengono offerte e scambiate letture di ogni genere e tempo, dipinti, foto, musiche e canzoni. Alcune citazioni, scelte da quelle letture e riprodotte a penna, accompagnano i ritratti che rivelano le emozioni diverse dell’ascolto, in una mimica eterogenea di sguardi assorti, sorrisi e meraviglia.        

I pannelli della mostra saranno installati nella piazzetta Carducci, su espositori alimentati da pannelli fotovoltaici, alla loro prima uscita pubblica, realizzati da EcoMostre – Luoghi di arte etica, progetto dell’Associazione Esterno Notte, vincitore di PIN, che si propone di valorizzare l’arte in maniera innovativa con allestimenti ecosostenibili, fuori dagli spazi convenzionali. 

Sono stati anche invitati a leggere le loro pagine i rappresentanti delle istituzioni, gli artisti e gli operatori culturali. 

Coordinerà Mauro Marino, Fondo Verri. 

<<Quella straordinaria comunità di lettori e amanti della cultura che fino a pochi mesi fa abitava giornalmente il Convitto Palmieri, ci chiede di tornare in quei luoghi, naturalmente tenendo conto di tutte le misure di sicurezze. Extra Convitto. Più lib(e)ri in Piazzaè un progetto che andrà avanti per tutta l’estate, uno spazio reale (e virtuale, attraverso il canale #laCulturaRestaAccesa) di confronto, visioni ed esperienza insieme alle associazioni e agli operatori culturali che stanno ridisegnando con noi il futuro del Polo biblio-museale di Lecce. Piazzetta Carducci si trasforma così in una sala lettura sotto al cielo di Lecce, una piazza per le comunità>>, afferma Loredana Capone, assessore all’industria turistica e culturale, Regione Puglia

<<La ripartenza delle attività dei luoghi della cultura impone a tutti noi uno sforzo di fantasia e di sperimentazione per garantire la fruizione culturale in piena sicurezza, vincere la paura e riportare i cittadini nelle biblioteche, nei musei, nei teatri, ai concerti. Da questa preoccupazione nasce il progetto Extra Convitto. Più lib(e)ri in Piazza. Trasformeremo Piazzetta Carducci in una sala lettura all'aperto per potere accogliere in sicurezza i cittadini leccesi appassionati di libri, ma anche i visitatori che auspichiamo torneranno scegliere il Salento per le loro vacanze>>, commenta Luigi De Luca, direttore del Polo biblio-museale di Lecce. 

La biblioteca è un organismo in continua evoluzione, è uno spazio culturale, vivo dinamico, un contenitore di libri ma soprattutto di storie e persone, uno spazio sociale e di relazioni costruite da utenti, visitatori e bibliotecari. Tutto questo, purtroppo, con le stringenti quanto doverose misure sanitarie da mettere in atto, rischia di interrompersi e di creare vuoti e lacune. I servizi di prestito possono essere garantiti senza particolari problemi, ma che ne sarà delle relazioni? Interrogandoci su questo, abbiamo pensato di approfittare degli spazi all’aperto che la biblioteca Bernardini ha e di ampliare tali spazi, “sconfinando” anche nell’adiacente piazzetta Carducci, dove, nel rispetto delle misure di sicurezza, posizionare ombrelloni, tavolini e poltroncine per favorire la lettura, la socialità le relazioni. 

L’appuntamento sarà trasmessa sul canale #laCulturaResta accesa, a cura del Polo biblio-museale di Lecce e del Dams di Unisalento, sull’omonimo canale di YouTube.

Una comunità di centinaia di cittadini, associazioni e operatori culturali hanno abitato giornalmente gli spazi del Convitto fino al lockdown. Dal 12 giugno tutti loro potranno tornare a casa, in quella piazza di comunità che è stata immaginata come un teatro giornaliero aperto a tutti per poter leggere in sicurezza e condividere esperienze culturali collettive. 

Una movida dei libri, quindi, che si inserisce anche nell'accordo recentemente siglato tra Regione Puglia e Comune di Lecce per la valorizzazione degli spazi culturali della città, in collaborazione con la Provincia di Lecce e il Teatro Pubblico Pugliese, nell'ambito del progetto Il Viaggio di Sindbad che vede come partner Comunità Emmanuel, Human First e Crocevia. Con il nome Extra Convitto si è voluto giocare proprio sull'idea di superamento mentale dei confini imposti dal covid19, confini che, per molti versi, fisicamente ancora è opportuno avere ma che invece devono vederci tutti impegnati nel superamento psicologico e sociale. La sindrome della capannadi cui molti discutono in questi giorni, problema psicologico che rinchiude nelle case-rifugio ancora molte famiglie, uomini e donne, bambini e ragazzi, va superata e affrontata con tutti i mezzi di cui si dispone. 

Venerdì 19 giugno ore 18 si terrà la prima tappa di un ciclo di presentazioni di libri editi da editori pugliesi: si partirà con il nuovo libro del giornalista Roberto Guido, In bici sui mari del Salento. Alla scoperta delle 20 spiagge più belle della Puglia (pp. 168), Ediciclo editore, con Loredana Capone, assessore all’industria turistica e culturale, Cosimo Chiffi, pianificatore dei trasporti ed esperto di mobilità sostenibile, Sebastiano Venneri, responsabile turismo di Legambiente nazionale.Coordinerà Pierpaolo Lala. 

Piazzetta Carducci, centro storico, Lecce. 

Info: 0832.37.35.76.

Comunicato stampa

Nella foto la Biblioteca Bernardini

 

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 35

Visit Melendugno, il tuo spazio naturale: il Comune di Melendugno lancia la nuova campagna di promozione turistica 2020

L'estate 2020 si presenta diversa dalle altre, una stagione che fa i conti con le esigenze mutate di cittadini e soprattutto turisti, con desideri nati in un periodo difficile che oggi si tramutano in voglia di spazio, natura, aria aperta, libertà e sicurezza.

Questi ingredienti il Comune di Melendugno li ha tutti, pertanto, dopo aver lanciato lo scorso febbraio il video promozionale alla Bit di Milano, alla luce dei recenti e importanti avvenimenti, ora lancia una nuova campagna integrata di promozione turistica che basa sullo "spazio" e sulla "natura" il suo messaggio: Visit Melendugno, il tuo spazio naturale.

Il claim, scelto assieme alle strutture ricettive di Melendugno e delle sue marine, risponde alle nuove parole chiave di cui il turista è in cerca quando sceglie la sua destinazione.

«Spazio» è proprio quello che è mancato a moltissime persone in questo lungo periodo ed è ciò che a Melendugno di certo non manca, inoltre tale concetto mira a disinnescare le paure del turista di trovare affollamento e assembramenti nel nostro territorio, tranquillizzandolo dinanzi alle tante possibilità di svago presenti sul territorio e per le quali non occorre necessariamente essere in molti; «naturale», invece, è un concetto scelto nelle sue due accezioni principali, da un lato indissolubilmente legato al patrimonio paesaggistico del territorio, non solo mare ma anche campagne, costa, uliveti, borghi e così via, dall'altro in qualità di avverbio per evidenziare come sia una scelta ovvia venire in vacanza nelle marine melendugnesi, quest'anno Bandiera Blu.

Così, attraverso le immagini più rappresentative del territorio, Visit Melendugno invita il turista ad immergersi in un luogo dalle mille sfaccettature che vanno dal mare, meraviglioso e cristallino, ai borghi autentici e preziosi, dalle campagne ricche di ulivi e percorsi alla scoperta del mondo rurale alle antiche tradizioni e mestieri: natura, archeologia, paesaggio, mare, borghi, monumenti, escursioni. La scelta è vasta ed è naturale.

"In bici, tra le masserie, le aree archeologiche, i castelli e frantoi ipogei, i borghi con le case a corte, il vasto parco fatto di pietra e verde, muretti a secco e uliveti, i 17 km di costa, in cui si aprono spiagge meravigliose ma anche calette seminascoste, con grotte e faraglioni da leggenda. E poi a scoprire i nostri prodotti di qualità: olio e miele. Cercheremo di mettere tutto il nostro spazio naturale a disposizione degli ospiti, che si potranno muovere in libertà e sicurezza, per trascorrere un’esperienza unica che lascerà sicuramente un segno positivo", ha dichiarato in proposito il sindaco Marco Potì che, parallelamente alle bellezze e alle possibilità offerte dal territorio, sta lavorando alacremente ad una ripartenza sicura nel pieno rispetto delle norme di prevenzione e sicurezza.

Lunedì 8 giugno sarà la volta del lancio del nuovo sito www.visitmelendugno.com: sulla nuova piattaforma tante nuove funzionalità, possibilità per il turista di scoprire pacchetti, luoghi, cose da fare a Melendugno, Borgagne e relative marine.  

Comunicato stampa

Foto a firma di Renato Arena

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 87

18 maggio 2020: riaprono Belloluogo, Villa Comunale e Campo Montefusco

Aggiornamento del 12 giugno 2020: da lunedì 15 giugno l’accesso al parco Belloluogo, al Campo Montefusco di Santa Rosa e alla Villa comunale non sarà più condizionato alla prenotazione e saranno estesi gli orari di apertura.:
 
Villa comunale dalle 9 alle 22.30;
 
Belloluogo dalle ore 09 alle ore 23;
 
Campo Montefusco di Santa Rosa dalle ore 8 alle ore 23.
 
______________________________________________
 
Da questa mattina, lunedi 18 maggio 2020, sono nuovamente fruibili con PRENOTAZIONE i parchi cittadini di Belloluogo, Villa Comunale e Campo Montefusco di Santa Rosa. La prenotazione avviene attraverso una piattaforma messa a punto da “Parkforfun” raggiungibile cliccando l'apposito banner sul sito istituzionale www.comune.lecce.it
 
La procedura, semplice e intuitiva, per ottenere il ticket di accesso al parco è la seguente:
 
1. sul sito www.comune.lecce.it clicca sul banner “Prenota online il tuo parco”
2. sulla piattaforma clicca sull’icona della matita per aprire il calendario;
3. seleziona data/orario della visita al parco (l'orario di fine visita si regola automaticamente su un’ora dopo);
4. clicca sull’icona PERSONA;
5. clicca su “MODIFICA” se sei su dispositivo mobile;
6. seleziona il parco;
7. inserisci i dati personali, la mail e il numero di persone totali (es: genitore + 2 figli = 3 persone);
8. dalla finestra di conferma scarica il ticket in PDF (che sarà inviato automaticamente anche sulla mail) sul quale è riportato il CODICE DI PRENOTAZIONE da comunicare all’ingresso del parco agli addetti che regoleranno gli accessi contingentati.
 
Per quanti non hanno la possibilità di connettersi per prenotare online la visita al Parco, la Protezione Civile di Lecce ha messo a disposizione un numero verde, lo 0832 726778, chiamando il quale si potrà ottenere il proprio codice di prenotazione da presentare all’ingresso del parco.
 
All’ingresso delle aree verdi sarà il personale della Protezione Civile, insieme a Lupiae Servizi Spa, a gestire l’accesso contingentando gli ingressi. Per il cittadino sarà sufficiente portare con sé il ticket (in forma cartacea o digitale) per comunicare agli addetti il Codice di prenotazione ottenuto.
 
La scelta di contingentare gli accessi facendo ricorso ad una piattaforma di prenotazione è finalizzata a scongiurare il rischio che si possano verificare assembramenti sia all’interno dei parchi che all’esterno degli stessi, con file di genitori e ragazzi che “premono” per entrare – dichiara il sindaco Carlo Salvemini - Per questa prima settimana la fruizione dei parchi è limitata ad un tempo massimo di un’ora, ma l’amministrazione comunale è orientata ad allargare il tempo massimo di fruizione dei parchi dopo la prima sperimentazione”.
 
I tre parchi saranno aperti tutti i giorni dalle ore 08.00 -alle ore 18.00
 
Comunicato stampa
 
Nella foto il parco di Belloluogo
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 73

1° giugno 2020: ''Pasticciotto Day''

Lunedì 1° giugno 2020 l'Italia DOVREBBE ritornare ai suoi ritmi quotidiani dopo un inizio d'anno tra i più terribili e difficili della sua Storia. Al tal proposito nel Salento l'imprenditore Carmine Notaro lancia un'idea decisamente dolce al fine di mandare in archivio, si spera definitivamente, questa prima parte del 2020.

Qui di seguito pubblichiamo la sua lettera:

"Alla riapertura ufficiale di bar e pasticcerie, sarà celebrata la giornata del pasticciotto, dolce simbolo della nostra tradizione culinaria, ormai riconosciuto ed apprezzato a livello internazionale. Il Pasticciotto Day darà il via alla ripresa delle attività del territorio e porrà simbolicamente fine alla fase critica di questa triste vicenda storica che ha caratterizzato gli ultimi mesi della nostra vita.

Questa tragica e dolorosa esperienza ha, infatti, indubbiamente modificato la nostra vita e le nostre abitudini, facendoci riflettere sull’essenza della nostra quotidianità e facendoci sicuramente rivalutare anche quei piccoli gesti sino a ieri dati per scontato, come quello di degustare un prelibato pasticciotto appena sfornato dalle abili mani dei nostri Maestri Pasticceri.

Ognuno di noi ha voglia di ricominciare, ognuno di noi ha voglia di poter ritornare ad abbracciare i propri cari ed i propri affetti; ognuno di noi ha voglia di tornare al proprio lavoro … sicuramente però ognuno di noi lo farà con una consapevolezza diversa! Lo farà portandosi per sempre nel cuore il ricordo di questa triste esperienza e, soprattutto il ricordo di tutti quelli “eroi”instancabili che hanno incessantemente lottato per salvare la vita a quante più persone possibili, anche a rischio della propria. Purtroppo però, spesso il nemico invisibile ha avuto il sopravvento, strappando alla vita migliaia di italiani, andati via senza il calore di una carezza dei propri cari e senza la celebrazione di un funerale.

Ecco perché vorremmo che il Pasticciotto Day divenisse la giornata del ricordo, un appuntamento con cadenza annuale affinchè anche i più piccoli possano un giorno conoscere i dettagli di questa triste esperienza e possano comprendere il perché di questa manifestazione, nata proprio dal forte desiderio di rinascita dopo questo tragico avvenimento. E forse partire da qui per immaginare proprio per loro un futuro migliore, un futuro in cui lo smart working possa rappresentare un’opportunità per il proprio percorso professionale e la tecnologia possa essere considerata una risorsa per aspetti importanti della vita, come il percorso scolastico e di formazione.

Il Pasticciotto Day sarà tutto questo, sarà un’occasione per non dimenticare di vivere e godere appieno della semplicità della nostra vita Le attività che vorranno aderire al progetto saranno inserite in un contesto di comunicazione social, e dovranno attenersi all’unica regola prevista, ovvero il costo di vendita ridotto del 50% (dettagli da concordare) per consentire a tutti di poter godere, dopo tanto tempo, della bontà del nostro dolce per eccellenza.

Ciò aiuterà le attività a riprendere al meglio il proprio lavoro e consentirà a tutti indistintamente di poter approfittare di questa golosa occasione.

L’iniziativa verrà promossa sui canali social della manifestazione Agrogepaciok ed avrà pertanto una risonanza a livello nazionale; in tal modo si incentiverà ancor di più la promozione del pasticciotto ma anche di tutte le attività che decideranno di aderire al progetto.

Inoltre, il Pasticiotto Day riserverà un trattamento particolare a tutti gli eroi in camice bianco delle strutture ospedaliere del territorio; ogni attività infatti donerà un quantitativo di pasticciotti agli ospedali di riferimento della propria zona".

Comunicato stampa

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 50

CBRE: ''Dona a Chi Ti Cura'' al centro commerciale Mongolfiera Lecce di Surbo

Il Centro Commerciale Mongolfiera Lecce di Surbo sostiene l’iniziativa “Dona a Chi Ti Cura” di CBRE, una raccolta fondi per supportare in questo momento di grande difficoltà per il nostro Paese la Croce Rossa Italiana, che vanta una struttura capillare e trasparente capace di affrontare in modo efficace le vulnerabilità delle comunità locali.

L’emergenza COVID-19 sta cambiando la nostra vita quotidiana e quella di intere comunità e nazioni. Non è solo una crisi sanitaria: l’impatto materiale ed economico sul settore medico è sempre più forte. Crescono costantemente le richieste urgenti di forniture mediche, di risposte alle esigenze di base e di assistenza sanitaria di qualità. Non solo. Le comunità colpite sono sempre di più e le persone in quarantena in Italia sono ormai centinaia di migliaia: e cresce anche la necessità di supporto finanziario. È questo che ha spinto CBRE a dare vita a questo progetto, che coinvolge dipendenti, collaboratori, clienti e centri commerciali gestiti da CBRE e si apre con una donazione aziendale di oltre 35 mila euro. 

Per donare, è sufficiente collegarsi al sito www.donaachiticura.it: è possibile farlo utilizzando Paypal, carta di credito o bonifico bancario. Insieme, con un piccolissimo aiuto da parte di tutti, possiamo fare tantissimo.

 

Comunicato stampa

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.