Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 13

Basket in carrozzina. La Lupiae Team Salento si aggiudica il ''1° Memorial Heidi Bortone''

Sabato scorso al “PalaVentura” di Lecce la prima edizione del “Memorial Heidi Bortone” (moglie del fondatore e coach della Lupiae Team Salento, deceduta tre anni fa a causa di un male incurabile), ha sin dalle prime battute di gioco regalato grandi emozioni.

Un successo che al termine della maratona di canestri, a firma Lupiae Team Salento, Boys Taranto e Reggio Calabria Bic, ha premiato il roster di Simone Spedicato, presidente-giocatore della squadra leccese. 

Il team di casa, infatti, nella finalissima del torneo ha battuto, nel corso di un match altamente spettacolare, il Reggio Calabria Bic con il punteggio di 53-40.

Al termine della manifestazione Rocco Bortone, visibilmente emozionato, ha dichiarato:<<Grazie, grazie di vero cuore a tutti,nessuno escluso. Era da tempo che sognavo di dedicare alla mia Heidi un torneo e direi che, con l’aiuto di tanti amici, ci sono riuscito.

Una prima edizione del “Memorial Heidi Bortone”che è stata decisamente bella come la sua persona. Un amore, il nostro, sbocciato all’inizio degli anni ‘80 in Germania e che è durato per oltre quarant’anni. Poi, purtroppo, la malattia e il distacco nel novembre del 2014 dalla vita terrena. Incontrarla è stata per me una fortuna. Lei, che ogni giorno vive in me>>.

Tabellino 

“1° Memorial Heidi Bortone”

PalaVentura di Lecce, 18 novembre 2017

Lupiae Team Salento-Boys Taranto: 72-44

Boys Taranto- Reggio Calabria Bic: 29-46

Lupiae Team Salento-Reggio Calabria Bic: 53-40

Miglior realizzatore del torneo con 35 punti Wilber Montano (Lupiae Team Salento)

Arbitri di gara: Sabrina Selicato e Biagio Baccilieri 

 

 

 

 

 

 

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 139

Basket, colpo della Lupa Lecce: Matteo Malaventura è il nuovo numero 3 dei giallorossi

La Pallacanestro Lupa Lecce, neopromossa in Serie C, partita per disputare un campionato regionale Silver di graduale crescita, in realtà è già pronta per proiettarsi verso grandi sogni.

Questa sera, infatti, lo staff dirigenziale della palla a spicchi leccese ha presentato, nel corso di una conferenza stampa svoltasi all’Hotel President, un Campione che con i suoi bei 39 anni e i suoi 198 cm ha ancora molto da dare: è Matteo Malaventura.

Dopo 21 anni di Serie A e 40 presenze con la maglia della nazionale, Matteo da Fano, da tempo salentino d’azione, è pronto per ripartire dal “PalaVentura” di Lecce per dare maggior forza al roster di coach Bray, ma soprattutto per consolidare le basi di un grande progetto.

Con Malaventura, infatti, Lupa Lecce del presidente Angelo Perniola rafforza il suo cammino verso il basket in giallorosso di domani. Un settore giovanile che attende di imparare dal nuovo numero 3 i segreti della pallacanestro. Nell’attesa solo applausi per Malaventura, i primi, di una città che finalmente ora può sognare grandi traguardi anche nel basket.

 Pino Montinaro

Nella foto, da sinistra a destra, Matteo Malaventura, il presidente Angelo Perniola e il vice presidente Domenico Renna 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 173

Calcio Femminile, Serie B: Salento Women Soccer-Virtus Partenope: 1-0

La Salento Women Soccer brinda al primo successo in campionato ottenuto contro una Virtus Partenope che ha lottato fino alla fine per evitare la sconfitta. I tre punti conquistati nel confronto con le campane rendono meno amara una partita segnata dalla sfortuna in casa giallorossa a causa dei tanti infortuni.

Ai già noti problemi muscolari di Serena D'Amico e Chiara Guido, rimaste stoicamente in campo fino al triplice fischio del direttore di gara, nel corso del match se ne sono aggiunti altri. Dopo venti minuti infatti Elena Bruno, dopo un contrasto aereo con una calciatrice avversaria, ha rimediato un taglio all'arcata sopraccigliare. Trasportata in ospedale, la ferita è stata suturata con sei punti. Poi alla mezz'ora di gioco anche Laura Lupo ha dovuto abbandonare il campo a causa di una distorsione alla caviglia.

Di conseguenza, la situazione in campo per le giallorosse è diventata ancora più difficile anche per merito di una squadra avversaria agonisticamente aggressiva e decisa a tornare a casa con un risultato positivo. Ma nonostante la maggiore pressione esercitata, le partenopee non sono mai riuscite ad impensierire il portiere Tiziana Mariano rimasta praticamente inoperosa. Al contrario, capitan Serena D'Amico, al 5' della ripresa, ha sbloccato il risultato con una punizione dal limite regalando alla sua squadra tre punti pesantissimi difesi a denti stretti fino al sesto minuto di recupero.

Domenica prossima le giallorosse sono attese dalla delicata trasferta sul campo della Lazio del presidente Lotito.

Salento Women Soccer: Mariano, Lupo (33’ pt Vitti), Felline, Zaccaria, Costadura, Guido, D’Amico, Pinto, Cazzato, Bruno (22’ pt Chierico), Xuereb (44’ st Coluccia). In panchina: Errico, Ouacif. Allenatore Vera Indino.

Virtus Partenope: Ventresino (7’ st Fierro), Lombardi, Apicella, Ferrara, Riccio, D’Avino, De Rosa (30’ st Santoro), Miroballo, Galluccio (28’ st Pechillo), Volpe (16’ st Tozzi), Di Marzo. Allenatore: Vittorio Esposito.

Arbitro: Guerra di Venosa.

Marcatrice: nel st 5’ D’Amico.

Note: spettatori circa duecento. Ammonite: Galluccio (Vp), Guido (Sws). Recupero: pt 5', st 6'.

Comunicato stampa

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 48

Basket in carrozzina: ''1° Memorial Heidi Bortone''

La squadra di basket in carrozzina della Lupiae Team Salento a tre anni dalla scomparsa di Heidi (moglie del fondatore e coach Rocco Bortone), sabato 18 novembre renderà omaggio, con il primo “Memorial Heidi Bortone,” ad una donna straordinaria e ad un amore durato oltre quarant’anni. 

“Ci siamo conosciuti in una discoteca di Stoccarda all’inizio degli anni ‘80 – dichiara Rocco Bortone - ed è stato subito batticuore. Poi, dopo alcuni mesi, la nostra storia è sta ancora più intensa, unica, dal momento che a causa di un incidente stradale la mia vita è cambiata radicalmente. 

Poteva andar via, ed invece è stata al mio fianco per tutti questi lunghi, meravigliosi, anni per poi doversi dire addio a causa di grave malattia. Sono stato decisamente fortunato ad incontrarla. Lei, che ogni giorno vive in me”.

A rendere omaggio ad Hiedi oltre naturalmente alla squadra leccese saranno anche i roster di Reggio Calabria e Taranto. Palla a due a partire dalle ore 9 presso il PalaVentura” di piazza Palio a Lecce per una giornata che si preannuncia di grandi emozioni e di grande spettacolo sotto canestro. Ingresso libero.

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 17

Basket, campionato di Serie C Silver. Ceglie Messapica-Lupa Lecce: 87-76

Fermata al casello di Ceglie Messapica per la Lupa Lecce di coach Bray. I giallorossi non sono riusciti a centrare la terza vittoria di fila cedendo il passo ai padroni di casa guidati da Djukic, che si sono imposti per 87-76.

Nonostante le buone prestazioni di Mocavero e Ferilli, autori rispettivamente di 20 e 18 punti, i leccesi sono incappati nella quinta sconfitta stagionale in occasione della nona giornata di campionato di Serie C Silver che si è svolta ieri pomeriggio sul parquet del PalaSport 2006. Degli 87 punti messi a referto dai cegliesi, ben 63 sono nati dalle mani calde del trio composto da Dusels, Bosniak e Greco. Tra le file giallorosse, invece, è stata degna di nota anche la performance di Lasorte. Il play della Lupa è andando in doppia cifra per la prima volta in questa stagione confezionando 16 punti.

I primi due quarti hanno raccontato di due squadre che si sono equivalse, con i locali che si sono lasciati preferire di una manciata di punti alla pausa lunga. L’incisività dell’attacco di Ceglie ha costretto Bray a fare a meno di Mocavero per diversi minuti a causa dei falli, ma le triple di Colella e Lasorte hanno tenuto la Lupa agganciata alla partita sino al cambio campo. Nel terzo periodo i locali hanno dato la spallata decisiva alla gara grazie alle bombe da tre di Greco e alle solite sfuriate di Dusels e Bosniak. Una fase della gara decisiva nella quale i giallorossi sono apparsi meno aggressivi in difesa pagando dazio sul tabellone luminoso col +16 dei padroni di casa.

Nel corso degli ultimi dieci minuti la reazione della Lupa non si è lasciata attendere. Con le energie residue e una cospicua dose di orgoglio, i giallorossi sono riusciti ad accorciare in gap sino al -4 facendo tremare i cegliesi. Nelle battute finali i locali si sono ricompattati trovando l’ennesimo allungo con i canestri di Pandolfi e di un Bosniak in assoluto stato di grazia. Con la sconfitta di Ceglie, la Lupa resta a 8 punti in classifica, in attesa del match casalingo di domenica prossima contro Manfredonia.

CEGLIE 87 – LUPA LECCE 76

Parziali: 24-17, 42-36, 64-49

Nuova Pallacanestro Ceglie: Dusels 20, Bosnjak 24, Curti 4, Ciracì, Argentiero, Verardi, Martignano 4, Rotundo 5, Pandolfi 11, Greco 19, Pacifico. All. Djukic.

Lupa Lecce: Mocavero 20, Sirena, Lasorte 16, Paiano 6, Ferilli 18, Caloia, Colella 14, Passante, Quaranta 2, Longo. All. Bray.

Arbitri Russo e Lenoci.

Comunicato stampa

 

 

 

 

AGENDA EVENTI

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.