Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 148

Mobilità sostenibile: al via i monopattini elettrici di BitMobility

Ieri, 6 agosto 2020, stato presentato il nuovo servizio di sharing mobility voluto dal Comune di Lecce e offerto da BitMobility. Presenti il sindaco Carlo Salvemini, l’assessore alla Mobilità sostenibile Marco De Matteis, Michele Francione responsabile sviluppo operativo Italia BitMobility, Franco Fuccini coordinatore inter-regionale e Giuseppe Manta City manager Lecce dell’azienda.

 Bitmobility immette così sul territorio urbano 250 monopattini, distribuiti su 50 postazioni. Il cittadino potrà utilizzarli tramite l’app BitMobility sia in modalità “pay per use”, cioè in modo occasionale,  pagando 1€ di sblocco e 15 cent/min ad ogni noleggio, oppure sottoscrivendo una formula di abbonamento. Inserendo il codice promozionale LECCEBIT alla prima registrazione, si potrà beneficiare di 15 minuti di corsa gratuita.

 

Le formule di abbonamento sono 3 (Mensile, Orario e Sblocchi):

 

UNBITABLE Monthly, l’abbonamento mensile pensato per chi ogni giorno compie la tratta casa-lavoro in monopattino e vuole poter contare su un’unica tariffa di 24,99 euro al mese; una soluzione che consente di beneficiare di 2 sblocchi al giorno  (andata + ritorno) e di 30 minuti giornalieri, i minuti extra sono scontati al 50% (7,5 centesimi) così come gli sblocchi (50 centesimi).

All’abbonamento mensile si affiancano la tariffa Easy BIT, ideale per chi vuole concentrare l’uso in un’ora per fare tante commissioni: 5 euro per l’intero periodo e sblocchi illimitati.

Infine i pacchetti UNBLOCK che consentono sblocchi giornalieri e settimanali per chi vuole essere libero di usare il monopattino in qualsiasi momento risparmiando:

Daily offre sblocchi illimitati e 15′ gratuiti al costo di 3,90 euro per un giorno;

Weekly sblocchi illimitati e 110′ gratuiti al costo di 9,90 euro per una settimana;

I monopattini sono dotati di gps (quindi la loro posizione è sempre nota). Sugli stessi è attivo un sistema di allarme e pronto intervento per combattere furti e vandalismo.

 

Nella ZTL si potrà parcheggiare solo in prossimità degli stalli per bici e motorini. Attualmente gli stalli/parcheggi in zona centrale solo n. 14 ovvero 1,7 km quadrati e comprendono un’area di estensione di oltre 15km quadrati. Fuori dalla Ztl i monopattini potranno essere parcheggiati su tutto il perimetro urbano ma per chi parcheggerà in stalli individuati e segnalati all’interno della mappa sull’App è riservato uno sconto del 50% sullo sblocco.

 

In alcune aree della città, più trafficate, il monopattino andrà alla velocità di 10km/h: via Libertini, piazza Duomo, via Palmieri, Corso Vittorio Emanuele II, Piazza Sant’Oronzo,  via Rubichi, Piazza Castromediano, via Umberto I, via Trinchese fino a Piazza Martini. Non sarà consentito il passaggio in monopattino attraverso la Villa Comunale (giardini Garibaldi) e sul quadrato di Piazza Mazzini.

 

Il modello di monopattino immesso nell’area urbana è di tipo S3, solido e ben equilibrato con doppia forcella anteriore. Le ruote in materiale composito (non si forano e non si rompono), il sistema frenante sicuro: doppio freno a tamburo +EBS, ha un doppio led posteriore rosso per freno e visibilità posteriore e led frontale ad alta visibilità e catarifrangente bianco. Campanello acustico per segnalarsi.

 

Tutti i mezzi sono identificabili, anche dalla Polizia Locale, in quanto montano una Targa posteriore. 

 

Per tutte le informazioni tecniche è utile leggere le FAQ sul sito Bitmobility.it/faq/

 

BitMobility organizzerà piccole occasioni di incontro e didattica sull’utilizzo dei nuovi mezzi nelle giornate di venerdì e  sabato sera ( 7 agosto e 8 agosto) per le vie del centro, per spiegare il funzionamento ed il corretto utilizzo del mezzo.

 

“Quella della mobilità sostenibile è una strategia di mandato che si compone di più iniziative, progetti e strumenti che sono come le tessere di un mosaico che va a comporsi, oggi ne posizioniamo un’altra, nuova – dichiara il sindaco di Lecce Carlo Salvemini – a breve posizioneremo altre tessere: il bike sharing elettrico e poi lo scooter sharing elettrico. Tutto questo per potenziare le alternative all’uso dell’automobile privata e offrire maggiori opportunità di alleggerimento del traffico veicolare, accompagnando tutto con il potenziamento dei servizi di trasporto pubblico locale. Crediamo che il monopattino elettrico sia un mezzo nuovo, moderno e perfettamente coerente con le abitudini di vita e con le condizioni climatiche della nostra città, che è pianeggiante, gode di un clima mite per lunghi mesi all’anno, è una città universitaria, quindi questo servizio si presta ad essere utilizzate da più soggetti. Attraverso l’uso quotidiano che di questo servizio verrà fatto, siamo pronti con l’azienda rilevare le informazioni utili per tararlo sempre più e sempre meglio ai bisogni e alle necessità della nostra comunità”

 

“Crediamo nella sharing mobility, abbiamo lavorato in questa direzione fin da subito, attraverso la realizzazione di corsie preferenziali e bike lane in città, che sui viali serviranno a garantire uno spazio di percorrenza più sicuro anche a questi mezzi – dichiara l’assessore alla mobilità  sostenibile Marco De Matteis – e garantendo manutenzione ai percorsi ciclabili esistenti e la realizzazione di nuove piste ciclabili.  Questo nuovo servizio sarà utile per contribuire a decongestionare il traffico. Invito i cittadini a utilizzare i monopattini con responsabilità: il monopattino non è pericoloso è l’uso che se ne fa a renderlo più o meno sicuro, ma questo vale per qualsiasi mezzo di trasporto. Da parte nostra abbiamo fatto una prima mappatura indicando all’azienda luoghi sensibili dove il monopattino deve comportarsi in maniera differente: sul quadrato di Piazza Mazzini non si potrà utilizzare, così come nella Villa Comunale. In altri luoghi, come la direttrice pedonale da Mazzini - Porta Rudiae la velocità di utilizzo sarà limitata a 10 km orari. Nella Ztl i monopattini potranno essere parcheggiati solo in prossimità degli stalli per bici e motorini, che cercheremo di implementare ulteriormente”

 

“Ringrazio il sindaco e l’assessore per averci dato la possibilità di attivare il servizio sin da subito, perché la stagione estiva è quella migliore per cominciare a utilizzare il monopattino elettrico – detto il responsabile sviluppo operativo Italia BitMobility Michele Francione - Il veicolo ha alti standard di sicurezza e confort, ha una doppia forcella che consente di sostenere molto le buche, ha doppio freno, un parafango con targa, anche per identificare più facilmente chi commette infrazioni. Ricordiamo che i monopattini possono essere utilizzati a partire dai 14 anni con casco obbligatorio fino a 18 anni e che da mezz’ora prima del tramonto del sole è obbligatorio indossare il giubbetto catarifrangente

Comunicato stampa

Nella foto il sindaco di Lecce e l'assessore alla mobilità

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 89

Lecce, Castello Carlo V: gli ospiti di strutture non alberghiere potranno usufruire di uno specifico punto informativo

Sarà attivato nei prossimi giorni presso il Castello Carlo V il servizio “Check-in point turistico”, riservato agli ospiti di strutture non alberghiere (b&b, case vacanza etc). Un servizio proposto da Alea, l'Associazione delle strutture extra alberghiere della città di Lecce, il cui scopo è sensibilizzare i settori, i servizi e le strutture preposte al turismo locale e regionale, per promuovere e valorizzare la cultura del fare turismo.

Il Check-in turistico è un servizio di prima accoglienza posto all'interno dell'infopoint turistico del Castello Carlo V, rivolto a quanti hanno prenotato il pernottamento in una struttura non alberghiera ai quali sarà indicato dai titolari delle strutture come punto di arrivo – un vero e proprio check-in point condiviso –. Qui, grazie a un corner dedicato, i turisti potranno ricevere materiale informativo e indicazioni sulle cose da fare e da vedere in città nell’attesa del referente della struttura prenotata che li condurrà a destinazione. L'idea nasce dall'esigenza di indicare un punto di incontro alle porte del centro storico che agevoli il raggiungimento delle strutture ricettive da parte dei turisti, ottimizzando i tempi ed evitando disagi ai visitatori.

Il Comune di Lecce ha fatto propria la proposta di Alea, condividendola con Puglia promozione,  che partecipa alla gestione dell'infopoint del Castello.

“Andare incontro al turista, evitare che possa perdersi nelle stradine del centro storico alla ricerca del suo b&b, assicurare un appoggio sicuro e comodo per famiglie e comitive turistiche e per gli stessi titolari di strutture ricettive – dichiara l'assessore al Turismo Paolo Foresio – ringrazio Alea per questa proposta che abbiamo colto immediatamente. Sappiamo bene di dover migliorare il livello dei servizi di accoglienza. per fare in modo che il turista viva un'esperienza positiva della nostra città legata non solo alle bellezze monumentali. Questo è un primo tassello di un mosaico di servizi che vogliamo costruire insieme alle imprese del turismo e dell'accoglienza”.

 “La disponibilità di Theutra e del Comune di Lecce è senza dubbio una momento importante che segna una svolta di grande interesse nel settore turistico locale - racconta Raffaele Bitetti, Presidente ad interim della neonata Associazione Extralbeghiero Lecce - Ad accogliere gli ospiti non sarà solo il gestore della struttura ricettiva ma simbolicamente la città stessa, in uno dei suoi luoghi più importanti. ALEA vuole contribuire a migliorare l’immagine del territorio agli occhi degli ospiti che popolano le strutture ricettive e che al contempo sono di fatto ospiti della città stessa. Comunicare agli ospiti con prenotazioni in essere sul Comune di Lecce, di raggiungere un Check-in Point turistico nel Castello Carlo V, segnerà per loro l’inizio di una vacanza che si caratterizza per snellezza, semplicità e non per ultimo per sano coinvolgimento, come da nostro tratto culturale”.

Comunicato stampa

Info tourist: l'ingresso del Castello Carlo V si trova su Viale XXV Luglio a due passi da piazza Sant'Oronzo

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 167

Ciclotursimo: è nato Salento.bike

È online da alcuni giorni Salento.bike, il nuovo portale di cicloturismo del Salento. Curato da Roberto Guido, giornalista e autore di due guide cicloturistiche, Salento.bike offre l’opportunità di scoprire la bellezza del Salento a passo lento, secondo il ritmo della pedalata, con una serie di itinerari che sfruttano la rete di strade secondarie e rurali del territorio.

Semplice e intuitivo, il sito non si limita alla narrazione dei percorsi ma, grazie alle tracce gpx e all’utilizzo di una nuova app da scaricare gratuitamente, consente di poter percorrere realmente gli stessi itinerari, senza alcuna difficoltà.

L’anima del progetto è soprattutto la passione per il viaggio, per l’ambiente e naturalmente per la bicicletta e per la Puglia. Prendendo a prestito il termine coniato da Cosimo Chiffi, è la “cicloesplorazione” che muove Salento.bike e gli appassionati che vorranno seguire questo sito, che non ha fini commerciali.

Nella fase 2 dell’emergenza Covid19, la pubblicazione del sito stimola la ripresa del turismo sostenibile nel Salento, grazie a un’attività che è ideale per mantenere il distanziamento fisico e che si svolge in luoghi mai affollati e dunque sicuri sotto tutti i punti di vista.

Per ora il Salento.bike presenta dieci itinerari, tra cui le due tappe salentine della Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese e la Via Francigena del Salento in tre tappe, ma se la formula dovesse avere successo presto saranno presto implementati nuovi percorsi. L'augurio è che possa diventare un luogo collaborativo con l'apporto delle associazioni dei ciclisti salentini per farne una vetrina dei percorsi più belli.

Salento.bike è ideato da Roberto Guido, giornalista di professione, cicloesploratore per passione, uno dei principali esponenti del Coordinamento dal Basso per la Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese.

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 264

MetrominutoLecce: in un'app i negozi che effettuano consegne a domicilio 

È disponibile gratuitamente sul PlayStore di Google per i dispositivi Android, e anche nella versione per dispositivi IOS su Apple Store, l'app MetrominutoLecce.

Sviluppata originariamente dal team ricerca e sviluppo di Corvallis come mappa interattiva che indica la distanza tra i luoghi di interesse della città e i tempi di percorrenza a piedi, Metrominuto ha l’obiettivo di incrementare la pedonalità urbana, la sostenibilità ambientale degli spostamenti e la qualità della vita del cittadino.

In occasione dell'emergenza sanitaria l'OpenLab di Corvallis su input del settore Mobilità ha implementato una nuova funzione che ha il fine di agevolare i cittadini leccesi che intendono acquistare beni e servizi di prima necessità senza uscire da casa durante l'emergenza sanitaria, limitando dunque l'afflusso nei punti vendita e il rischio di assembramenti. A Metrominuto è stata dunque aggiunta una mappa digitale degli esercizi commerciali autorizzati alla consegna a domicilio in città compresi nell'elenco pubblicato e aggiornato quotidianamente sul sito www.comune.lecce.it. Sulla mappa gli utenti possono visualizzare i punti vendita disponibili per ottenere informazioni utili sulle modalità di contatto e di consegna. 

Apprezzamento per il lavoro svolto è stato espresso dal sindaco di Lecce Carlo Salvemini, il quale ha invitato i cittadini a scaricare l'applicazione: “Ringrazio la società Corvallis, partner del  nell’ambito di iniziative del settore Mobilità, che ha adattato questa applicazione di uso turistico alle necessità di tutti noi per l’emergenza coronavirus ” 

“La mappa è uno strumento utile, facile e intuitivo, che contribuisce ad aiutare il commercio locale in un momento nel quale siamo costretti a restare a casa o limitare gli spostamenti – dichiara l'assessore alla Mobilità Marco De Matteis  - il mantenimento delle funzionalità originarie dell'app contribuirà a favorire gli spostamenti a piedi per sostenere quel cambio di passo nella mobilità urbana che auspichiamo tutti possa caratterizzare il prossimo futuro. Ringrazio il dirigente del settore Mobilità Fernando Bonocuore per essersi speso per raggiungere questo obiettivo in tempi brevi insieme a Corvallis”.  

“Abbiamo pensato – dichiara Matteo Del Sole, direttore dell’OpenLab - che avremmo dovuto anche noi fare la nostra parte in un momento così drammatico. C’è venuta l’idea di sviluppare un prodotto che, da una parte aiutasse i cittadini a non uscire dalle proprie abitazioni, supportandoli con uno strumento di facile consultazione per effettuare gli ordini da casa scegliendo i negozi più vicini, in modo da generare il minor traffico possibile. Dall’altra, incoraggiare gli esercizi commerciali a incrementare il servizio di consegna a domicilio, per compensare almeno in parte i gravi danni economici derivanti dalle restrizioni imposte dall’emergenza Corona virus”.  

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito web www.metrominuto.it e la pagina Facebook @MetrominutoLecce oppure scrivendo all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 249

Come pagare la sosta a Lecce con lo smartphone

Dallo scorso 11 novembre 2019 la sosta a pagamento a Lecce può essere pagata non solo attraverso l’applicazione di Easypark ma anche con le app di PayByPhone, Telepass Pay, ParkAppy, myCicero e DropTicket

Un’ampia offerta, ben sei soluzioni a portata di smartphone, che sicuramente sarà apprezzata dall’automobilista. Una volta, quindi, scelto il metodo più comodo attraverso il proprio telefonino il controllo avviene nel seguente modo: gli operatori addetti al controllo, inquadrando la targa con lo smartphone in dotazione, conosceranno in tempo reale se l’utente sta pagando la sosta con un’applicazione tra quelle messe a disposizione ovvero se è un utente residente con permesso gratuito o agevolato.   

In alternativa c’è sempre il ticket cartaceo presso l’apposita macchinetta del rilascio del biglietto della sosta.

La redazione

Nella foto piazza Mazzini, il cuore del centro commerciale in città.

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.