Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 257

Lecce4kids, l'app per bambini che fa scoprire le bellezze della città

Nasce Lecce4Kids, un'app dedicata ai piccoli residenti curiosi di scoprire i segreti della città e ai piccoli turisti in visita.

Realizzata dalla società Almaviva, nell'ambito del progetto L'Acchiappalibri, la prima biblioteca di comunità kid-friendly del Comune di Lecce, si pone l'obiettivo di rafforzare l'identità della comunità partendo dai più giovani ed impegnandosi a diffondere – attraverso il gioco – notizie interessanti sui monumenti della città e la sua storia.

L’applicazione, disponibile sia su Play Store per i dispositivi con sistema operativo Android che su Apple Store per quelli con sistema operativo iOS, permetterà la fruizione innovativa della città di Lecce e dei suoi punti d’interesse, partecipando a una delle tre cacce al tesoro: “Alla scoperta della Magia” della durata stimata di 4 ore, con livello di difficoltà facile, “A caccia di avventure” della durata stimata di 6 ore, con livello di difficoltà difficile, e “Il valore dell'amicizia”, di durata stimata di un'ora e livello di difficoltà facile. Si parte così alla scoperta delle bellezze di Lecce, svelando la storia nascosta dietro le tappe di ogni itinerario da fare con la propria famiglia o i propri amici. Ad ogni tappa/monumento indovinato attraverso specifici indizi, si riuscirà ad ottenere una parola chiave che alla fine compone la frase tratta da un libro che si potrà leggere alla biblioteca L’Acchiappalibri, gestita dalla società Orione.

Oltre alle cacce al tesoro, nell'app è presenta la mappa con la geolocalizzazione dei monumenti che ci sono nella zona in cui ci si trova, una sezione dedicata a notizie ed eventi, i tour guidati da fare in città, un diario dedicato ai piccoli partecipanti e l'elenco dei badge ottenuti durante le cacce al tesoro.

«Con questa app – dichiara l'assessora alla Pubblica Istruzione Fabiana Cicirillo – completiamo il progetto dell'Acchiappalibri, la biblioteca pensata e realizzata per i bambini e i ragazzi in età scolare. Spesso si pensa all'apprendimento come qualcosa di nozionistico e noioso ma oggi le nuove tecnologie ci supportano nell'affrontare la conoscenza, in questo caso della città, in modo innovativo e divertente, sul modello di quanto fatto anche con il progetto del Passaporto dei Musei. Pensiamo a una famiglia che arriva a Lecce per le vacanze e voglia coniugare la scoperta dei monumenti e dei luoghi più belli con l'esigenza di intrattenere i propri bambini. Scarica l'app e inizia una caccia al tesoro. La frase ottenuta alla fine li porterà all'Acchiappalibri dove troveranno il libro da cui è tratta e potranno sfogliarlo insieme a tanti altri adatti all'età dei loro bambini. Analoga esperienza potranno fare i bambini leccesi che vogliano dedicare un pomeriggio con i genitori alla scoperta della loro città».

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 256

Trasporto pubblico urbano: dal 1° dicembre i titoli di viaggio si potranno acquistare tramite app

Dopo il ticket digitale per la sosta sulle strisce blu e la smaterializzazione dei titoli agevolati per i residenti, dal 1° dicembre sarà possibile acquistare tramite app per smartphone anche i titoli di viaggio per il trasporto pubblico urbano della città di Lecce; un’altra tappa sul percorso del progressivo efficientamento dei servizi all’utenza, intrapreso dall’Amministrazione comunale e da Sgm.

A disposizione degli utenti che si spostano in città con i bus urbani ci saranno tre applicazioni per smartphone, dall’utilizzo facile e intuitivo: myCicero, TicketAppy e DropTicket, ognuna con caratteristiche peculiari in grado di soddisfare le diverse esigenze dell’utenza del trasporto pubblico. Il biglietto acquistato, oltre a essere sostenibile perché digitale, sarà anche facile da convalidare a bordo dei bus Sgm, grazie al QRCode rilasciato sullo smartphone al momento dell’acquisto.

Non solo i biglietti, ma anche gli abbonamenti saranno disponibili per l’acquisto online: l’obiettivo è quello di promuovere un sistema più comodo e conveniente, anche in termini di tempo, che semplifica le modalità di viaggio e consente di gestire velocemente e in sicurezza l’acquisto dei ticket.

Per utilizzare il servizio di pagamento digitale sarà sufficiente scaricare una delle tre app gratuite, disponibili sia per iOS che per Android, e scegliere tra i tanti metodi di pagamento messi a disposizione dalle singole applicazioni, dalla carta di credito Visa, Mastercard o American Express, a Masterpass, a PostePay, al conto corrente (con Satispay), fino al contante presso tutte le ricevitorie Mooney – SisalPay5. Una volta registratosi l’utente potrà scegliere se acquistare corse semplici (biglietto urbano, biglietto con validità 90 minuti e biglietto giornaliero), piuttosto che carnet di titoli di viaggio o abbonamenti settimanali, mensili e annuali, sia ordinari che agevolati.

«Questo nuovo servizio – dichiara l'assessore alla Mobilità sostenibile Marco De Matteis – ci dà la possibilità di risolvere alcune ataviche problematiche legate alla bigliettazione, aumentate in questo periodo storico pandemico, durante il quale è stato sospesa la possibilità di fare il biglietto a bordo, peraltro con un costo aggiuntivo per l'utenza. Con questo nuovo sistema, invece, questo aggravio non ci sarà. In più, ci sarà la comodità di reperire facilmente i ticket, soprattutto l'estate a favore dei turisti costretti spesso a trovare un punto vendita. Un'opportunità in più, quindi, per tutti che evita fra l'altro assembramenti e file in ottica di rispetto delle disposizioni anti-Covid».

«Le tre app con cui si potrà procedere alla bigliettazione elettronica – aggiunge il direttore d'esercizio di Sgm Ugo Guacci – sono le stesse già in uso per la sosta tariffata, quindi daranno la possibilità di pagare tutti i titoli di viaggio del trasporto pubblico urbano, quelli ordinari e quelli agevolati, inclusi quelli per gli studenti universitari. Solo la tessera che ha validità triennale fra i titoli agevolati continuerà ad essere fatta al City Terminal. La scelta della società di non dotarsi di una propria app ma di utilizzare quelle già presneti sul mercato, fatta anni fa con la sosta tariffata, si è rivelata vincente perchè abbiamo registrato un incremento consistente di questi strumenti. Nel 2017 avevamo sui ricavi della sosta tariffata circa un 3 per cento derivanti dall'utilizzo di app, mentre a ottobre del 2021 questa percentuale è arrivata al 15 per cento. Una crescita esponenziale che in termini di acquisti per la sosta è ancora maggiore e ci colloca sopra la media delle città delle nostre dimensioni».

«Come dimostrano i numeri ora ribaditi, le app per la gestione del pagamento della sosta – conclude il sindaco Carlo Salvemini – sono fondamentali perchè liberano il cittadino dalla preoccupazione del grattino scaduto. La bigliettazione elettronica è un'ulteriore qualificazione nella complessità dei servizi che si richiedono a una società di trasporto pubblcio. Nei giorni scorsi, l'assessore De Matteis ha dato un'anticipazione del progetto di adeguamento del nuovo piano di esercizio del Tpl con riferimento ai chilometri attualmente disponibili in attesa di ricevere il milione di km in più di servizi minimi dalla Regione Puglia. Tutte attività che saranno disponibili a prescindere dal fatto che la società sia oggi pubblico-privata o domani totalmente pubblica, perchè questo è indifferente rispetto agli obiettivi che si pone nel rapporto con l'utenza. La sfida è fare in modo che gli indici di utlizzo del trasporto pubblico da parte dei cittadini aumentino e abbiamo lavorato nell'ottica che più offerta garantisci, più domanda ottieni. Con la più intelligente riscrittura delle linee sullo schema centro-periferie grazie all'assessorato, a Sgm e ai consulenti del Pums,ci sono tutte le condizioni perchè questa città possa vivere meglio la mobilità anche e soprattutto attraverso un utilizzo più consapevole e abitudinario del trasporto pubblico. Una partita alla quale teniamo molto. Ringrazio i responsabili delle società produttrici delle app che hanno investito nell'upgrade del servizio nella nostra città».

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 273

Lecce, auto elettriche: mappa delle postazioni di ricarica

Saranno attive da lunedì 18 ottobre otto nuove colonnine per la ricarica delle auto elettriche installate in città dalla ditta Be Charge per un totale di 13 punti di ricarica.

Le colonnine attivate a Lecce si trovano in

Via Petraglione

Via Gianmatteo

Via Luigi Corvaglia

Piazza Madre Teresa di Calcutta (lato via Cagliari)

Piazzale Rudiae (lato via Vecchia Carmiano)

Via Reale

Via Taranto

Via Patitari 

Per gli automobilisti sarà possibile accedere alla ricarica scaricando l’app BeCharge e seguendo le istruzioni per l’abbonamento al servizio. 

“Con la crescita della presenza delle auto elettriche si pone il tema della disponibilità di punti ricarica – dichiara l’assessore alla mobilità sostenibile Marco De Matteis – l’amministrazione comunale si è posta per tempo il problema, sottoscrivendo protocolli con le ditte che offrono il servizio di ricarica in modalità smart e facilmente accessibile, garantendo una copertura omogenea del territorio cittadino. Dopo queste prime otto saranno attivate nelle prossime settimane altre ventuno postazioni da parte di BeCharge e altre nove da parte di Camer gas, che andranno a unirsi alle postazioni EnelX già presenti”. 

 Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 533

''Autunno al Castello'': prosegue fino al 3 dicembre il progetto di valorizzazione del Castello Carlo V di Lecce

Proseguono le attività di Attraverso il Castello, progetto di valorizzazione del Castello Carlo V di Lecce, nato dalla collaborazione tra la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi e Lecce e le associazioni di promozione sociale 34° Fuso e The Monuments People.

Fino al 3 dicembre spazio alla rassegna “Autunno al Castello”, sostenuta da Marullo Costruzioni S.R.L, che proporrà una serie di appuntamenti per vivere gli spazi della fortezza come luoghi di socialità e incontro dove poter sviluppare interessi e passioni senza dimenticare il loro valore storico-culturale del patrimonio.

Sabato 16 ottobre (dalle 19 alle 21 e dalle 21 alle 23 - visita guidata e degustazione 15 euro) appuntamento con Birra a corte, una serata alla scoperta della storia della bevanda fermentata più diffusa al mondo per comprendere meglio il moderno concetto di birra artigianale. Un percorso che farà luce sulle semplificazioni e gli stereotipi legati alla più famosa festa tedesca della birra, l’Oktoberfest, permettendo di riscoprire le radici profonde della sua origine. Sarà approfondita la figura del sovrano Carlo V, definito Re della birra, i suoi viaggi e le sue opere attraverso la visita guidata negli ambienti del suo castello. Il percorso sarà accompagnato dalla degustazione di birre artigianali in collaborazione con il Birrificio Baff di Lecce. Dal mercoledì alla domenica (ore 10:30, 11:30 e 12:30 e 16, 17 e 18) continuano le visite guidate e multimediali (senza obbligo di prenotazione) che permetteranno ai visitatori di immergersi in totale sicurezza nella storia e negli ambienti del Castello esplorando prigioni, camminamenti di ronda, Cappella di Santa Barbara, Museo della Cartapesta e gallerie sotterranee. Per partecipare, sarà sufficiente presentarsi al punto accoglienza (fino a esaurimento posti - max 15 persone) che si affaccia sulla piazza d’armi del Castello almeno un quarto d’ora prima della partenza del tour.  Info e prenotazioni (green pass obbligatorio) 3357009614 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Venerdì 22 ottobre (ore 19 - ingresso 10 euro) con "Il castello e i suoi simboli" si parteciperà a un tour speciale in occasione del 11° Mese del Benessere psicologico in cui i partecipanti saranno accompagnati da una guida abilitata e da uno psicologo della Regione Puglia in un percorso alla scoperta di simboli e significati celati nei luoghi del Castello. Sabato 30 e domenica 31 ottobre (dalle 18 alle 22 - ingresso 15 euro), in occasione della festa di Halloween, Attraverso il Castello propone una visita speciale basata su storie e racconti di paura nel Castello Carlo V.  Il percorso (partenza ore 18, 19, 20 e 21), condurrà i partecipanti tra gallerie sotterranee, prigioni e la Cappella di San Francesco dove verranno sorpresi da racconti, stimolazioni e travestimenti in grado di evocare strani personaggi ed episodi leggendari. “Autunno al Castello” proseguirà poi con "Porta San Martino ma non dimenticare il vino!" (11 novembre), "Regala il castello" (13 e 14 novembre), "Fuga dal Castello" (21 novembre), "Storie di donne e sante" (25 novembre) e "Il castello di tutti" (3 dicembre).

 

Il Castello Carlo V di Lecce è la più grande struttura fortificata pugliese. Costruito in età medievale a ridosso delle mura dell’abitato, subì numerose ristrutturazioni nel corso dei secoli successivi con interventi in età federiciana, angioina e aragonese. L’edificio, che ospitò Maria d’Enghien e Giovanni Antonio Orsini del Balzo, era circondato sui quattro lati da un profondo fossato. L’aspetto attuale è dovuto agli interventi voluti da Carlo V nella prima metà del Cinquecento e condotti dall’architetto Gian Giacomo d’Acaya. La visita delle nuove aree recentemente restaurate e aperte al pubblico del Castello consiste in uno speciale percorso alla sorprendente scoperta della sua storia in cui i visitatori sono accompagnati da una guida abilitata, con la visione di contenuti multimediali.

 

Il tour guidato ha un costo di 8 euro

Ridotto (8-17 anni) 4 euro - Gratuito 0-7 anni

Pacchetto famiglia 20 euro

 

Info e prenotazioni (green pass obbligatorio)

3357009614 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Facebook e Instagram @attraversoilcastello

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Info Tourist
  • Visite: 554

Lecce, mobilità sostenibile. Presentato il nuovo servizio di sharing con scooter elettrici

Questa mattina, in Piazza Sant'Oronzo è stato presentato il nuovo servizio sharing con scooter elettrici attivo da oggi, 13 agosto 2021, in città e fornito dall'azienda BIT Mobility, alla presenza dell'assessore alla Mobilità sostenibile del Comune di Lecce Marco De Matteis e, per BIT Mobility, del City Manager referente di Lecce, Giuseppe Manta.

Il servizio di e-scooter sharing in free floating – che va ad aggiungersi a quello dei monopattini già presente in città dallo scorso anno – si compone in questa prima fase di 20 mezzi che arriveranno, presto, a 30, noleggiabili tramite l'App BIT Mobility al costo di 0,29 centesimi al minuto in un'area operativa della città che si estende fino alle marine (San Cataldo, Torre Chianca, Frigole, Spiaggiabella e Torre Rinalda).

I mezzi sono posizionati negli stessi stalli utilizzati per le moto, con il vincolo di parcheggiare all’interno dell’area operativa rispettando il codice della strada e di non superare i 50 km/h di velocità. Gli scooter elettrici possono circolare ovunque e hanno come unico limite quello della chiusura del noleggio che deve avvenire all’interno dell’area operativa indicata nell’App. Nel bauletto, una volta attivato il noleggio, sono presenti due caschi in dotazione con relative cuffiette monouso da indossare e salviettine igienizzanti per sanificare il manubrio e il sellino.

Per sbloccare l’e-scooter sono previste in fase di registrazione una serie di procedure di sicurezza per assicurarsi che il noleggio sia effettuato solo da chi ha i requisiti. «Per noleggiare gli scooter – specifica Manta di BIT – è necessario fare foto anteriore e posteriore della patente e, inoltre, anche un selfie con la patente in mano. Quindi, lo standard di sicurezza è molto alto per impedire usi impropri dei mezzi».

«Con il servizio di noleggio di scooter elettrici, arricchiamo ulteriormente – dichiara l'assessore De Matteis – l'offerta di mobilità sostenibile nella nostra città, sempre con l'obiettivo di far utilizzare mezzi alternativi alle auto e meno impattanti dal punto di vista ambientale. Queste scelte, infatti, si muovono tutte nella direzione di decongestionare il centro dal traffico veicolare e proporre ai cittadini servizi economici e facili da usare. Nel farlo rinnoviamo la nostra collaborazione con BitMobility, ditta fornitrice anche di una delle due flotte di monopattini elettrici presenti in città, rispetto ai quali la risposta degli utenti continua ad essere buona».

Comunicato stampa

 

Informazioni di utilità:

Autonomia: 70 Km

Possono essere guidati a partire dai 14 anni in possesso di patentino AM.

Il servizio sarà attivo tramite l’app BIT Mobility al costo di 0,29 €/min senza costi di sblocco.

Utilizzare il servizio di e-scooter è molto semplice: è necessario aprire l’app e compilare l’autorizzazione richiesta nella sezione “Il mio profilo”. Una volta trovato il mezzo più vicino bisogna cliccare sull’icona dedicata e avviare il noleggio, dopo aver tolto il cavalletto e aver indossato uno dei due caschi che l’utente trova già all’interno del bauletto. A questo punto azionare il pulsante rosso posizionato sul manubrio.