Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 58

MotorTerapia Trofeo AciLecce, ottava edizione

Il Motoclub Salentum Terrae, in collaborazione con "Aci Lecce", organizza per domenica 4 dicembre 2022  una giornata per navigatori speciali che potranno vivere l'emozione di scendere in pista, ospiti del circuito il Kartodromo "La Conca" di Muro Leccese (Le) .

L’evento organizzato da “MotorTerapiaha come obiettivo il coinvolgimento attivo di tutte le persone con diversa abilità motoria o cognitiva, all’interno di una mattinata dedicata ai motori, ideata per abbattere il muro emotivo che spesso tiene i navigatori speciali lontani da contesti di evasione e puro divertimento.

Allineati sulla griglia di partenza, a bordo di auto da rally, sportive e moto,  gli iscritti potranno provare il brivido del campione con un emozionante giro in pista.

Un evento no profit (non è prevista nessuna quota di iscrizione) le cui modalità di partecipazione sono reperibili sulla seguente pagina Facebook.

https://www.facebook.com/events/1051072638934003

 

Domenica 4 dicembre dalle ore 09:30 alle 13:00

Trofeo AciLecce, ottava edizione

Kartodromo “La Conca” di Muro Leccese (Lecce)

 

La redazione

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 44

Corso di difesa personale: l'iniziativa dell'associazione ''Tesla'' rivolta alle donne

Un corso di difesa personale riservato alle donne di tutte le età a partire da gennaio 2023.

La giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in programma domani venerdì 25 novembre, coincide con la nobile iniziativa promossa dall’associazione Tesla “Comprendo, Imprendo, Realizzo” con sede a Lecce in via Capitano Ritucci 41.

Il corso sarà spacchettato in due lezioni alla settimana, che si svolgeranno in una fascia oraria compresa tra le 15.30 e le 18.30. “Forniremo i consigli necessari per scoraggiare e neutralizzare l’aggressore, gli atteggiamenti da assumere in particolari circostanze e insegneremo anche le tecniche basilari per sfuggire da un’aggressione” - dice Valentina Perrone di Tesla.

Il corso in rosa farà da apripista ad altri percorsi formativi atti a contrastare la violenza. Ma oltre i corsi e le iniziative in cantiere, Tesla tenderà una mano verso le vittime di violenza: “Siamo a disposizione delle donne che hanno bisogno di aiuto - prosegue -. Intendiamo dare un aiuto concreto, non solo sul piano psicologico e legale. Perché ogni vittima deve avere la possibilità di riprendere in mano la propria vita”.

Nei giorni scorsi l’associazione Tesla ha preso parte attiva al montaggio fotografico a cura di Roberto Dell’Anna e promosso dalla Sensual Dance Fit di Carolyn Smith, in collaborazione con la Sensual Dance Fit Llsd di Lecce e il Tacco d’Oro di Uggiano La Chiesa, nell’ambito di una campagna di sensibilizzazione che ritrae i volti di 24 donne per dire basta alla violenza. 

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 46

''Il teatro è di tutti, tutti a teatro'': presentata la stagione teatrale 2022/23

Sono dieci gli spettacoli che compongono la stagione teatrale 2022-2023 del Comune di Lecce in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. Un cartellone che nasce dal desiderio di “abbracciare” il pubblico e che vede al centro delle scelte fatte da Amministrazione comunale e Tpp la parola “inclusione”. Una stagione che ben si racchiude nel claim “il teatro è di tutti, tutti a teatro!”. Un invito a partecipare alla vita teatrale, accompagnato dall’immagine di un teatro che abbraccia i cittadini scelta per rappresentare proprio questo desiderio di accogliere tutti, di diventare la casa in cui ciascuno può essere libero di essere se stesso e di sentirsi a proprio agio, senza barriere.

Una casa accessibile a tutti, e per tutti, in cui è facile ritrovarsi e ricreare quel senso di comunità e unità che è mancato, per cause di forza maggiore, durante l'emergenza pandemica. Ed ecco quindi che nella selezione degli spettacoli grande attenzione è stata posta nel mescolare sapientemente spettacoli dalla forte valenza sociale, con alcuni progetti teatrali di grande impatto, frutto di intensi laboratori con persone con disabilità, con grandi artisti della scena teatrale contemporanea, per dimostrare come il linguaggio teatrale sia in grado di valicare tutte le differenze rendendosi accessibile a tutti, sempre.

«Una città come la nostra che può vantare due teatri pubblici e due teatri privati che funzionano e programmano stabilmente ogni anno le loro stagioni di prosa – dichiara il sindaco di Lecce Carlo Salvemini – è una città fortunata. Perché il pubblico può scegliere proposte, contesti, situazioni che gli sono più affini. In questo quadro, i teatri pubblici devono essere come una casa pronta ad accogliere i cittadini con un calendario in cui tutti possano trovare almeno una proposta adatta a loro. Proprio sulla necessità di includere poggia il nostro cartellone di quest'anno dove uno spazio importante lo abbiamo riservato alla disabilità, psichica, fisica e visiva, perchè il teatro e le emozioni che suscita devono poter raggiungere tutti, nessuno escluso. Questa sarà la prima stagione post pandemia senza più restrizioni, mascherine, distanziamento. L'abbiamo realizzata con una cura speciale perché vogliamo ritrovarci come comunità. E quale luogo meglio di un teatro ci fa sentire comunità? Ci auguriamo che sia una stagione partecipata, che incuriosisca anche chi a teatro non c'è mai stato o ci va poco e che i nostri teatri siano abitati e vissuti per tutte queste dieci serate».

«Abbiamo realizzato un cartellone di prosa intenso – dichiara l'assessora alla Cultura Fabiana Cicirillo – intorno a parole chiave come inclusione, accessibilità, integrazione, diritti. Alcune delle proposte artistiche sono dedicate per scelta alla disabilità con il Teatro Patologico di Dario D'Ambrosi, Gianfranco Berardi e il suo spettacolo sulla cecità, il prosieguo del lavoro della compagnia Factory iniziato con il progetto “Cross the Gap”. Altre approfondiscono temi sociali come il bullismo nello spettacolo con Ambra Angiolini, hanno risvolti intimistici e personali come il monologo di Paola Turci, propongono testi antichi come Gilgamesh di Lo Cascio oppure più contemporanei come Il Dio Bambino di Gaber con Troiano o lo spettacolo di Mario Perrotta sulla libertà ispirato a Calvino. Non mancherà il teatro-canzone con Pino Ingrosso che canta Pasolini e un classico dei De Filippo sul valore del denaro. Abbiamo cercato di venire incontro davvero a tutti perché –  come recita il claim della nostra stagione – vogliamo che i nostri due teatri siano i teatri di tutti».

«La programmazione 2022-2023 è il risultato della collaborazione esistente – commenta Marco Giannotta vicepresidente del Teatro Pubblico Pugliese – tra il TPP e il Comune di Lecce. Una collaborazione che ha come finalità la definizione di un percorso di crescita culturale della comunità leccese che anche quest’anno continuerà con l’obiettivo di rendere il teatro sempre più la casa di tutti e portare un pubblico sempre crescente a teatro».

«Per questa stagione, il TPP ha puntato sullo sviluppo di un progetto culturale molto delicato, fortemente voluto dall’amministrazione comunale. Parole chiave come inclusività, accessibilità, socialità sono state le linee guida per creare una stagione in cui è possibile davvero “fare comunità”. Spettacoli con una forte valenza sociale, progetti sviluppati sul territorio e una campagna di comunicazione con un teatro che abbraccia i cittadini in tutte le loro diversità vanno a costituire un importante invito all’azione. Il teatro è di tutti perché non ci devono essere ostacoli o barriere fisiche, sociali e culturali. È proprio questo quello che può fare il teatro e ci auguriamo di essere riusciti nel nostro intento», spiega Giulia Delli Santi, dirigente responsabile delle Attività Teatrali del Teatro Pubblico Pugliese.

 

Partiamo quindi dai nomi e dagli spettacoli che hanno al centro proprio questa voglia di inclusione.

Il primo a esprimersi in questa direzione il 12 gennaio del 2023 al Teatro Apollo sarà Dario D’Ambrosi, tra i principali artisti di avanguardia in Italia e creatore del movimento teatrale chiamato Teatro Patologico per cui, nel 2018, nella sede dell’Ambasciata d’Italia nel Quartier Generale delle Nazioni Unite, ha ricevuto il prestigioso riconoscimento DESA, in particolare per l’istituzione del Primo Corso Universitario al Mondo di “Teatro integrato dell’Emozione”. Attore, regista e autore di spettacoli che rappresentano pensieri e comportamenti di malati di mente, è da oltre quarant’anni uno dei più interessanti fenomeni teatrali della scena nazionale. A Lecce porterà la sua particolarissima versione di “Medea” di Euripide che nel 2017 è stata presentata anche alle Nazioni Unite di New York in occasione della Giornata internazionale delle Persone con Disabilità (4 dicembre), frutto di un intenso e riuscito percorso teatrale per ragazzi diversamente abili che li vede in scena insieme ad attori professionisti.

 

A marzo al Teatro Paisiello, il 22, saranno protagonisti Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari con il loro “I figli della frettolosa”, uno spettacolo che affronta il tema della cecità e del significato più ampio che ha oggi la parola “vedere”. Nata nel 2008, dopo l’incontro sulla scena nel 2001 tra l’attore pugliese non vedente Gianfranco Berardi e l’attrice emiliana Gabriella Casolari, la compagnia da sempre mette in scena opere originali di drammaturgia contemporanea scritte dagli stessi fondatori. La loro poetica teatrale si muove tra il teatro tradizionale e quello più sperimentale e innovativo in cui la miseria del vivere diventa spunto comico e la leggerezza il veicolo per la riflessione. In “I figli della frettolosa” lo spettatore si troverà davanti alla cecità messa in scena allo stesso tempo come esperienza di vita reale, fisica, e come concezione metaforica, sinonimo di una miopia sociale ed esistenziale che ci riguarda in prima persona. Sul palco i protagonisti saranno gli attori non vedenti e ipovedenti del laboratorio che i due artisti terranno a Lecce nei giorni precedenti lo spettacolo, che faranno il coro, accanto a Ludovico D'Agostino, Flavia Neri e Silvia Zaru.

La stagione si chiuderà il 22 maggio al Teatro Paisiello con “Hamleto” di Factory Compagnia Transadriatica, che fa parte della Rete Italiana Europe Beyond Access 2021/2023 (figlia di EBA - Europe Beyond Access) impegnata nella creazione di un network di soggetti per interrogare e discutere i temi di accessibilità ed inclusione nelle arti performative, per generare consapevolezza, diffondere conoscenze ed esperienze di buone pratiche, incoraggiare maggiore partecipazione e leadership di artisti e operatori culturali con disabilità. Ispirato ad Amleto di William Shakespeare, a cura di Tonio De Nitto e Fabio Tinella, l’“Hamleto” che andrà in scena al Paisiello è un progetto speciale frutto del laboratorio permanente di teatro e disabilità di Factory inaugurato a Lecce nel 2021 e naturale prosieguo del progetto 'Cross the gap' col quale era nato Hubu re, sempre aggiungendo una H all’opera ispiratrice, simbolo della ricerca e dell’incontro tra i due mondi creativi. Un punto di arrivo della ricerca di Factory su teatro e disabilità: un’indagine sul corpo non conforme attraverso lo sguardo e le parole non conformi che accompagnano la discesa nell’abisso shakespeariano.

Tanti, poi, i grandi nomi della scena contemporanea che si alterneranno sul palco del Teatro Apollo e su quello del Teatro Paisiello per regalare al pubblico serate emozionanti, intense e che faranno riflettere.

Si comincia il 3 dicembre al Teatro Paisiello con Paola Turci in “Mi amerò lo stesso” (regia Paolo Civati), un monologo sincero e divertente che a volte vorrebbe essere un dialogo e in cui alla realtà si mescolano i sogni e nei sogni entra la vita, fra parole e, immancabile, la musica. Il 17 dicembre ci si sposta al Teatro Apollo per “A che servono questi quattrini” con Nello Mascia, Valerio Santoro, Luciano Saltarelli per la regia di Andrea Renzi. La commedia di Armando Curcio, messa in scena per la prima volta nel 1949 dalla compagnia dei De Filippo con grande successo di pubblico, è ancora oggi di grande interesse e attualità. I temi dell’inutilità del denaro e della dannosità del lavoro, benché calati nella realtà di due famiglie napoletane degli anni ’40, una poverissima, l’altra in apparenza arricchita, riescono, sul filo del paradosso, a incuriosirci, ad aprirci nella fantasia strade alternative e a divertirci. Il 26 gennaio al Teatro Paisiello arriva Pino Ingrosso con il suo spettacolo teatrale musicale “Canto Pasolini” (regia Daniela Guercia) tratto dall’omonimo disco che contiene 11 poesie di Pier Paolo Pasolini musicate da Ingrosso e una canzone inedita scritta da Pasolini e da Domenico Modugno. Un’autentica dichiarazione d’amore dell’artista leccese all’opera di questo ineguagliabile e profondissimo intellettuale del ‘900. A febbraio due appuntamenti di seguito al Teatro Apollo. L’8 saliranno sul palco Luigi Lo Cascio, Vincenzo Pirrotta e Giovanni Calcagno (che firma anche testo e regia) in “Gilgamesh. L’epopea di colui che tutto vide”, il più antico poema del mondo che narra la storia di un giovane re che, dopo aver sperimentato il dolore per la morte del migliore amico, lascia il trono per andare alla ricerca del segreto della vita eterna; mentre il 25 febbraio arriva Fabio Troiano con “Il Dio bambino” (regia di Giorgio Gallione): un monologo che prosegue e approfondisce il particolarissimo percorso teatrale di Giorgio Gaber negli anni Novanta. Esempio emblematico del suo “teatro di evocazione”, Il dio bambino racconta una normale storia d’amore che si sviluppa nell’arco di alcuni anni e dà l’occasione di indagare su l’Uomo, per cercare di capire se ce l’ha fatta a diventare adulto o è rimasto irrimediabilmente bambino. Un uomo a confronto con una donna, il migliore testimone per mettere in dubbio la sua consistenza, la sua presunta virilità. Nel dio bambino è la nascita di un figlio a far ritrovare al protagonista il senso del proprio agire, tra lampi di autoironia e umorismo.

 

Doppio appuntamento il 18 aprile per Mario Perrotta con il suo “S/Calvino o della libertà” con la matinée per le scuole (ore 11.00) e la recita serale al Teatro Paisiello: uno spettacolo dedicato al desiderio di libertà di ciascuno che da sempre si scontra con la libertà dell’altro. Una riflessione per provare a rintracciare un nuovo significato condiviso che ci riposizioni, tutti, uno accanto all’altro e non più uno di fronte all’altro o, ancor peggio, uno contro l’altro. Sempre ad aprile, il 27, al Teatro Apollo arrivano Ambra Angiolini e Arianna Scommegna dirette da Serena Sinigaglia, in “Il nodo”, uno spettacolo intenso sul bullismo che dà voce a un confronto senza veli sulle ragioni che lo generano. In scena una madre e un'insegnante, che si interrogano portando tutti a riflettere sulle responsabilità educative di genitori e istituzioni nei confronti dei ragazzi vittime di bullismo o carnefici. L'autrice del testo, l'americana Johnna Adams, è tra le voci più interessanti della nuova drammaturgia statunitense, già insignita di numerosi premi; lo spettacolo ha debuttato negli Stati Uniti nel 2012 ed è stato messo in scena da altre 40 produzioni americane.

 

Tornano, infine, anche i laboratori “Vengo anch’io” a cura dell’associazione Fermenti Lattici, un’attività destinata all’infanzia per consentire la fruizione degli spettacoli da parte degli adulti mentre i bambini sono occupati in laboratori e percorsi tematici nelle sale del Teatro Apollo e del Teatro Paisiello. Incontri ispirati agli spettacoli a cui i genitori assistono, così da poter avere argomenti comuni sui quali incontrarsi all’uscita del teatro. Mentre gli adulti si godono lo spettacolo, i bambini potranno vivere l’opera teatrale in una dimensione di gioco, in uno spazio tranquillo e allestito per loro. Sei i titoli in cartellone intorno ai quali si è costruita questa mini rassegna di appuntamenti per l’infanzia divisi per fasce d’età (3- 5 anni e 6-10 anni):

 

3 dicembre – TEATRO PAISIELLO/ MI AMERÒ LO STESSO

 Nel corso di questo appuntamento attingeremo a una bibliografia tematica per raccontare storie di bambine, ragazze, donne e vecchiette che per grandi imprese o piccoli gesti hanno lasciato il segno nella storia.

 

17 dicembre – TEATRO APOLLO / A CHE SERVONO QUESTI QUATTRINI?

 A cosa serve il denaro? Quali sono le cose che non si possono comprare? Una maratona di letture tematiche accompagnerà una partita a Monopoli, in cui a vincere saranno i grandi sognatori.

 

12 gennaio – TEATRO APOLLO / MEDEA

In questo appuntamento viaggeremo idealmente fra i meravigliosi intrecci dei miti classici e le loro creature eterne e spettacolari.

 

26 gennaio – TEATRO PAISIELLO / CANTO PASOLINI

Un appuntamento dedicato alla poesia. Cantiamo la poesia, in una sera in cui, fra versi di grandi poeti e ispirazioni del momento, creeremo insieme un bellissimo componimento!

 

25 febbraio – TEATRO APOLLO / IL DIO BAMBINO

Sentirsi grandi ed essere piccini, crescere e sentirsi di essere ancora bambini. In questo appuntamento racconteremo storie sulla crescita e sui traguardi inaspettati che questa comporta.

 

27 aprile – TEATRO APOLLO / IL NODO

Con umorismo e leggerezza affronteremo i dilemmi che ogni giorno si infilano nello zaino e appesantiscono il fardello. Tracceremo insieme il profilo della scuola perfetta per noi.

Info: www.teatropubblicopugliese.it

 

Comunicato stampa

 

Nella foto copertina il Teatro Apollo di Lecce

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 85

Nati per leggere: nuovo presidio alla biblioteca ''OgniBene''. Un libro per ogni nuovo nato leccese

Un libro in regalo a ogni neonato di Lecce potrà essere ritirato alla biblioteca OgniBene, che diventa presidio in città del progetto Nati per Leggere. L'adesione è stata deliberata dalla giunta comunale nell'ultima seduta e la consegna ai nati nel 2022, per questa prima edizione, avverrà all'inizio di dicembre.  

Nati per Leggere è un programma nazionale di promozione della lettura rivolto alle famiglie con bambini in età prescolare, promosso dall’Associazione Culturale Pediatri, dall’Associazione Italiana Biblioteche e dal CSB - Centro per la Salute del Bambino Onlus.

Il programma è attivo su tutto il territorio nazionale con circa 800 progetti locali, che coinvolgono più di 2000 comuni italiani, promossi da bibliotecari, pediatri, educatori, enti pubblici, associazioni culturali e di volontariato.

Dal 1999, Nati per Leggere opera in Italia con l'obiettivo di promuovere la lettura in famiglia sin dalla nascita, perché leggere con una certa continuità ai bambini, come confermano i più recenti studi sulla materia, ha una positiva influenza sul loro sviluppo intellettivo, linguistico, emotivo e relazionale, con effetti significativi per tutta la vita adulta.

La biblioteca civica OgniBene, inaugurata il 20 marzo di quest'anno, è uno spazio di comunità e di cittadinanza che si fonda su un concetto innovativo di biblioteca non come semplice luogo di consultazione e di prestito, ma come luogo di aggregazione, di socialità, di incontro intergenerazionale e di lotta alle povertà educative e alle disuguaglianze. Per questo si configura come luogo ideale e privilegiato dove istituire il primo presidio Nati per Leggere di Lecce.

Tante le attività e le iniziative che rientrano nel progetto, a partire, come detto, dall'istituzione del dono del libro ai nuovi nati: tutti i bambini nati nel Comune di Lecce riceveranno in dono un libro della selezione Nati per Leggere acquistato dal Comune e consegnato in biblioteca preferibilmente durante la settimana nazionale Nati per Leggere, che si svolge ogni anno nella seconda metà di novembre. Poi, saranno realizzati incontri con famiglie in attesa e neogenitori per illustrare i benefici della lettura ad alta voce, i libri a disposizione in biblioteca e le tipologie di volumi più adatte ai loro bambini; saranno organizzati appuntamenti di lettura specificatamente rivolti alla fascia di età fino ai 3 anni, sarà ampliata la dotazione libraria della biblioteca con l'inserimento dei libri in altre lingue selezionati nell'ambito del progetto NpL “Mamma Lingua”, per far scoprire ai bambini italiani che esistono lingue differenti dalla propria affinché si sentano cittadini del mondo e, al tempo stesso, un'opportunità per valorizzare la lingua madre dei bambini con genitori stranieri.

Altre attività all'interno del presidio Nati per Leggere prevedono il coinvolgimento dei pediatri della città, dei centri vaccinali e dei consultori familiari e l'adesione alle campagne e alle iniziative nazionali e regionali di Nati per Leggere.

«L'Amministrazione comunale – dichiara l'assessora alla Cultura Fabiana Cicirillo – ha fra i suoi obiettivi di mandato avvicinare sempre più cittadini ai libri e alla lettura. A questo scopo sono nate le nostre due biblioteche civiche, in questa direzione va l'adesione al progetto Nati per Leggere e l'istituzione del presidio alla biblioteca OgniBene. Se vogliamo, infatti, avviare un'inversione di tendenza rispetto agli indici di lettura che danno la Puglia in coda alle classifiche, dobbiamo lavorare soprattutto sui bambini, a partire proprio dalla nascita, visto che tutte le ricerche fatte sulla materia illustrano notevoli benefici, per esempio, legati alla lettura dei libri e delle storie a voce alta nel loro sviluppo cognitivo».

Comunicato stampa

La biblioteca "OgniBene" si trova all'interno del complesso degli Agostiniani

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 57

Festival del Cinema Europeo, XXIII edizione

È stata presentata oggi a Lecce la XXIII edizione del Festival del Cinema Europeo, diretta da Alberto La Monica, che si terrà dal 12 al 19 novembre presso il Multisala Massimo di Lecce.

Sono dieci i film in concorso che si contenderanno l’Ulivo d’Oro Premio Cristina Soldano, opere prime provenienti da tutta Europa e che saranno presentate in lingua originale durante il Festival da registi e dai protagonisti.

Quest’anno la direzione di FCE ha voluto esprimere sostegno all’Ucraina dedicando uno spazio alla sua cinematografia con una rassegna di 5 film e un incontro con cineasti, interpreti, produttori e col direttore del Molodist Int. FF di Kyiv, Andriy Khalpakhchi. L’appuntamento è previsto venerdì 18 novembre con la regista Solomiia Tomashchuk, i registi Andriy Kokura e Maryan Bushan, l’attrice Anastasia Karpenko, la produttrice Olga Matat e con il direttore Khalpakhchi per conoscere queta nazione così ferita anche attraverso il suo cinema. Un cinema capace di dare spazio anche a giovanissimi cineasti e che sta ottenendo numerosi riconoscimenti internazionali.

Tra le cineaste francesi più amate dal pubblico e dalla critica, con importanti riconoscimenti ottenuti in tutto il mondo, Claire Denis è la protagonista del Cinema Europeo. La XXIII edizione del Festival propone una rassegna dei titoli più interessanti della sua cinematografia e il suo ultimo, Incroci sentimentali, nelle sale con Europictures il 17 novembre.

Mentre il protagonista del cinema italiano è Sergio Rubini il cui tributo comprende una retrospettiva dei film più rappresentativi della sua carriera, un incontro moderato da Enrico Magrelli e la consegna dell’Ulivo d’Oro alla Carriera.

Anteprime ed Eventi al Festival con il film di apertura Il tempo dei giganti di Davide Barletti e Lorenzo Conte, alla presenza dei registi, che narra il viaggio di Giuseppe verso la terra del padre, nella Piana degli ulivi monumentali, laddove è imminente l’arrivo di un’epidemia che sta uccidendo milioni di alberi d’ulivo, stravolgendo paesaggio, economia e relazioni umane; The Christmas Show di Alberto Ferrari che sarà al Festival insieme a Raoul Bova e Serena Autieri nelle sale il 17 novembre distribuito da Viva Productions in collaborazione con Altre Storie e Adler Entertainment; La prima regola di Massimiliano D’Epiro presente a Lecce il 19 novembre. In uscita il 1° dicembre distribuito da Notorius Pictures.

Come ogni anno il Festival presenta la Vetrina Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia promuovendo alcune delle attività del CSC come una selezione di lavori e film di diploma degli allievi delle varie sedi della Scuola Nazionale di Cinema. Quest’anno alla presenza della Presidente Marta Donzelli sarà presentata la versione in 4k del film La voglia matta di Luciano Salce (1962) a opera di CSC-Cineteca Nazionale in collaborazione con Compass Film S.r.l. che ha messo a disposizione i negativi scena e colonna. Tutte le lavorazioni sono state realizzate presso il laboratorio Studio Cine S.r.l. Un’occasione per ricordare Ugo Tognazzi con suo figlio Ricky che presenterà il libro, Il Rigettario - Fatti, misfatti e menù disegnati al pennarello di Ugo Tognazzi ( Fabbri, ediz. illustrata, 2022).

Per il Premio Mario Verdone, giunto alla sua XIII edizione, sono stati annunciati i finalisti di questa edizione: Laura Samani per PICCOLO CORPO, Giulia Louise Steigerwalt per SETTEMBRE, Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis per RE GRANCHIO. Il Premio è istituito in accordo con la famiglia Verdone dal Festival del Cinema Europeo, in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia e il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani. La Giuria è costituita da Carlo, Luca e Silvia Verdone che scelgono il vincitore tra gli autori selezionati. La consegna il 19 novembre 2022 durante la serata finale del Festival.

Una edizione del Festival che vedrà protagonista la città di Lecce con una programmazione serale che proporrà ai cittadini spettacoli, concerti ed eventi ogni sera, a ingresso gratuito. Il primo appuntamento è con la festa di apertura del Festival con il concerto di Cesare Dell’Anna. Sono previsti poi appuntamenti con la banda di Monteroni, il film-concerto Cosa rimane di Europa, un viaggio nel Mediterraneo, alla ricerca del mito fondativo di Europa, la conquista dell’armonia attraverso il canto e la musica; un omaggio a Carmelo Bene con Morte e rinascita di Carmelo di Cosimo Damiano Damato ed Erica Mou; la presentazione del libro Il rigettario. il Festival Party con il dj producer Fabio Tosti. Special Guest: Nicola Conte. 

Comunicato stampa

Per ulteriori approfondimenti sul programma del festival vi rimandiamo al sito del Fce https://www.festivaldelcinemaeuropeo.com/

 Nella fotocopertina Between Us, uno dei film omaggio al cinema ucraino