Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 59

Sport & disabilità: un bando regionale a sostegno degli atleti pugliesi

Nella Puglia che sempre più si sta distinguendo negli sport paralimpici, un aiuto concreto porta la firma della massima istituzione regionale che, su proposta del Comitato Italiano Paralimpico pugliese, ha messo in campo azioni di sostegno economico. 

Da alcuni anni infatti, grazie all’ “Avviso G” del Programma Operativo della Regione Puglia, denominato “Concessione di contributi a favore della pratica sportiva degli atleti con disabilità”, l’atleta disabile pugliese, regolarmente iscritto ad una associazione sportiva italiana, può usufruire di un importante contributo economico a fondo perduto per l’acquisto di attrezzatura sportiva.

Un’opportunità che Gabriele Carichino e Fabio De Giorgi della Lupiae Team Salento, squadra di basket in carrozzina che milita nel campionato nazionale di Serie B, hanno colto grazie alla preziosa assistenza e consulenza dell’avvocato Vincenzo Russo, che così sintetizza l’iniziativa regionale: “La Regione Puglia nel solo 2019 ha destinato a questa finalità risorse per complessivi € 300.000, confermando peraltro l’importo relativo all’annualità precedente. Auspico che, in futuro, le somme stanziate possano essere implementate, poiché la tutela dei diritti delle persone con disabilità passa necessariamente dall’attenzione che la politica riserva allo sport, quale strumento imprescindibile nel processo di inclusione sociale e di miglioramento delle condizioni di vita”.

Una grande occasione quindi per tutti gli atleti disabili residenti in Puglia a cui Andrea Calò, delegato regionale Federazione Italiana Pallacanestro in Carrozzina, rivolge un chiaro invito: “Già a partire dal prossimo bando mi auguro di poter vedere una maggiore richiesta di domande. Pratiche che difatti vanno incontro alla tutela dei diritti del disabile anche in campo sportivo”.

“A tal proposito - conclude Calò – vorrei sottolineare il costante e prezioso lavoro del presidente del Comitato Italiano Paralimpico regionale Giuseppe Pinto, sempre pronto a darci i giusti indirizzi programmatici, come ad esempio questo specifico bando, al fine di far crescere sotto tutti i punti di vista l’associazionismo sportivo dei disabili pugliesi”.

 

Nella foto da sinistra a destra, l’avvocato Russo, Carichino, il coach Calò e De Giorgi.

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 146

Mura Urbiche di Lecce, nuove aperture

Le Mura Urbiche, complesso monumentale all'ingresso nord della città, saranno fruibili per un mese da venerdì 9 ottobre a domenica 8 novembre.

Il Comune di Lecce ha infatti accolto la nuova proposta di Mediafarm, azienda operante nell'ambito ICT che, dopo i risultati ottenuti nel mese di agosto – oltre mille visitatori in 8 giornate di visita – ha chiesto di garantire a titolo gratuito per il mese di ottobre e fino al 9 novembre il servizio di fruizione al pubblico del complesso monumentale delle Mura Urbiche.

Medifarm, in collaborazione con Fondazione ITS Apulia Digital Maker, Fondazione ITS per l'industria dell'ospitalità e del turismo allargato di Lecce, Aps The Monuments People, garantirà l'apertura gratuita alle visite del pubblico e la fruizione dei supporti multimediali già installati all'interno del bene monumentale.

Sarà possibile visitare le Mura Urbiche nei giorni 9-11-14- 16-18-21-23-25-28-30 ottobre e 1-4-6-8 novembre (in sostanza ogni mercoledì, venerdì e domenica).

Le visite saranno organizzate in gruppi da 20 persone e avranno la durata di 45/50 minuti con inizio alle ore 18, 19 e 20. In questa occasione, le guide turistiche iscritte all'albo della Regione Puglia potranno prenotare i tour nelle fasce orarie delle 18.30, 19.30, 20.30, sempre nel rispetto del numero massimo di 20 persone.

Le aperture saranno a costo zero per il Comune di Lecce. Mediafarm sosterrà interamente a suo carico i costi dei servizi, compresa l'assistenza, il ripristino, l'utilizzo e la fruizione delle attrezzature multimediali messe a disposizione dei visitatori.

“Dopo aver sperimentato questo importante servizio nel mese di agosto con grande successo – dichiara l'assessore alla Cultura, Fabiana Cicirillo – riproponiamo un'iniziativa che ha consentito ai cittadini e ai turisti di accedere alle Mura e di utilizzare i supporti multimediali presenti all'interno. A breve potremo finalmente bandirne la gestione, assicurando così una piena e continuativa fruibilità del bene. Nel frattempo, procediamo con questa formula, molto apprezzata, che ci consentirà di rendere le Mura fruibili per un intero mese”.

È possibile prenotare tramite WhatsApp al numero 351-5569676.

 

 

Comunicato stampa

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 172

''Leo e Martina a spasso nel tempo'': la storia di Lecce raccontata in un volume a fumetti

“Leo e Martina a spasso nel tempo”, edizioni Grifo, è un volume a fumetti destinato ai bambini dagli 8 anni in su che racconta la storia di Lecce: due giovani protagonisti, Leo e Martina, attraversano le epoche per le strade della città antica in compagnia dei grandi nomi della storia della città: da Idomeneo a Maria D’Eghien, A Giangiacomo dell’Acaya, a Cosimo De Giorgi.

Il fumetto sarà distribuito gratuitamente, per 2500 copie a ciascun bambino o ragazzo che visiterà gli spazi dell’Acchiappalibri la prima biblioteca civica kid-friendly della città di Lecce gestita da Orione, fino ad esaurimento delle 2500 copie omaggio. In seguito, il fumetto sarà disponibile per l’acquisto. 

Il racconto si sviluppa per sequenze temporali. In successione i giovani protagonisti attraversano le età messapica, romana, bizantina, il periodo normanno, il Quattrocento, il Cinquecento, il Seicento, il Settecento, l’Ottocento, il periodo tra Otto e Novecento e infine il Novecento. 

I due giovani protagonisti, sempre “connessi” e abili con la tecnologia, incontrano durante le loro avventure i mitici fondatori di Lecce (Malennio, Dauno, Euippa Idomeneo) che li accompagnano e che li faranno incontrare con guide e testimonial di ogni tempo storico. È una lettura piacevole e stimolante per conoscere la città e la sua storia, i personaggi che nel tempo le hanno dato lustro e che per l’occasione dialogano con i ragazzi di oggi, rappresentati da Leo e Martina, due compagni di classe di 11 anni che devono realizzare una ricerca sulla storia di Lecce, ma a causa di un black out telematico non hanno la possibilità di consultare computer e smartphone e perciò sono costretti a recarsi sui luoghi per acquisire direttamente informazioni sulla città e i suoi luoghi storici. Muniti di taccuino e penna per gli appunti e solo con il telefono ad uso torcia incontrano dei personaggi straordinari: da Sant’Oronzo a Cosimo De Giorgi e tanti altri importanti personaggi e artisti di Lecce fino a Tito Schipa. 

Il volume, di 127 pagine, è una iniziativa editoriale che nasce dal progetto della biblioteca l’Acchiappalibri- la prima kid-friendly Community Library del Comune di Lecce - realizzato nell’ambito dei finanziamenti europei (Progetto POR Puglia 2014-2020 Asse VI, Azione 6.7 “Community Library, biblioteca di comunità: essenza di territorio, innovazione, comprensione nel segno del libro e della conoscenza”). La realizzazione del prodotto è stata affidata a Edizioni del Grifo, con la direzione scientifica della Prof.ssa Rosanna Basso. Il coordinamento editoriale è di Fabrizio Malerba, la sceneggiatrice è Ilaria Ferramosca. Il coordinamento grafico è di Lupiae Comicx Grafite.  

Il progetto grafico è di Mimmo Ferri e Franco Palascia. Coordinamento di produzione Davide Presicce. Ai disegni hanno contribuito Alberto Gennari, Andrea Schiavone, Fabrizio Malerba, Elena Cavalera, Sabrina Filieri, Mario Damiani, Mauro Gulema, Alessio Lo Manto, Gian Battista Montinaro, Gaetano Longo, Luigi Quarta, Gian Domenico Di Francesco. Gli sceneggiatori impegnati: Maria Ferramosca, Marco Laggetta e Elena Cavalera, Mario Damiani, Sabrina Filieri, Ilaria Ferramosca, Alessio Lo Manto, Gian Battista Montinaro, Gaetano Longo, Luigi Quarta, Maria Ferramosca. 

“L’Acchiappalibri è pronta ad accogliere i nostri ragazzi in sicurezza con questo piccolo-grande omaggio – dichiara l’assessore alla Pubblica Istruzione e alla Cultura Fabiana Cicirillo – Il volume, pensato e realizzato per i ragazzi, li aiuterà a conoscere e comprendere meglio la storia della nostra città e le storie che sono custodite dai tanti monumenti e architetture storiche con le quali i nostri bambini vengono in contatto nella quotidianità. Rafforzare la conoscenza della storia della città tra le giovani generazioni significa per noi costruire una più stretta relazione tra i luoghi e chi li vive. Dalla conoscenza nasce il senso di appartenenza, l’orgoglio e la cura. Conoscenza storica, identità e cittadinanza sono concetti legati tra loro, lavorare su questi concetti a partire dai più giovani ci sembra un ottimo modo per costruire il futuro”. 

Comunicato stampa

 

La biblioteca l'Acchiappalibri si trova a Lecce in viale Ugo Foscolo 31 a

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 118

Museo Castromediano di Lecce, mostra d'arte contemporanea: ''Sta Come Torre''

Sta Come Torre, mostra a cura di Paolo Mele, dopo l’inedito progetto espositivo diffuso tra Vieste, Trani, Polignano a Mare, Brindisi, Tricase Porto e Taranto con opere realizzate appositamente da Luigi Presicce, Pamela Diamante, Lucia Veronesi, Coclite/De Mattia, Elena Bellantoni e Gabriella Ciancimino che ha registrato oltre 5000 spettatori, si sposta, dal 17 settembre al 18 ottobre, al Museo Castromediano di Lecce in versione completa (martedì/domenica dalle ore 10.00 alle 22.00 informazioni stacometorre.it).

Giovedì 17 settembre alle ore 19.00 nello spazio antistante all’ingresso del Museo Castromediano opening con Luigi De Luca – direttore Polo Biblio Museale Lecce, Patrizio Giannone – Dirigente Sezione Turismo Regione Puglia, Paolo Mele – curatore Sta Come Torre e dialogo con gli artisti Pamela Diamante, Luigi Presicce, Luca Coclite,  Lucia Veronesi  e Elena Bellantoni modera Lorenzo Madaro.  L’opening sarà trasmesso in diretta streaming, grazie alla collaborazione degli studenti del DAMS dell'Università del Salento, sulle pagine facebook laculturarestaaccesa, museocastromediano e teatropubblicopugliese.

La mostra, promossa dalla Regione Puglia – Sezione Turismo e realizzata dal Teatro Pubblico Pugliese nell’ambito del progetto Destinazione Puglia che attiva sinergie tra politiche culturali e promozione turistica, dopo essere stata esposta dal 5 al 30 agosto nelle sei location originarie, si compatta e arriva al Museo Catromediano di Lecce con un nuovo allestimento. In linea con la sua missione di spazio aperto alla progettualità, secondo il claim “L’Antico è Contemporaneo”, il Museo Castromediano, che rientra nel Polo Biblio Museale di Lecce, ospita la mostra Sta Come Torre nella sua versione completa, con le opere concepite da sette artisti che hanno presieduto le sei “torri contemporanee” della costa pugliese. Un dialogo serrato con la collezione archeologica, quindi, in un incontro meditato tra storie, relazioni, paesaggi e visioni che contrassegnano il percorso permanente del museo.

Se Sta Come Torre si è caratterizzata come una mostra in grado di evidenziare il ruolo di osservatori del nostro tempo di 7 artisti della stretta contemporaneità, il Castromediano con il suo percorso archeologico mira a palesarsi come spazio di raccordo tra epoche e culture  che hanno contrassegnato il Salento – terra tra due mari – nel corso di interi secoli. Perciò questo primo approdo della mostra è naturale. Ad accogliere il visitatore la grande installazione di Elena Bellantoni, “ancorata” nell’ingresso principale. Le grandi lastre di pietra di Apricena, risalenti al periodo neogenico della zona garganica che compongono la grande installazione sonora di Pamela Diamante, svettano nello spazio centrale del piano terra dedicato ai paesaggi salentini di terra e pietra, interagendo con l’architettura riconcepita dal museografo Franco Minissi.

Il percorso espositivo prosegue con gli orizzonti intimi e personali, come quello “ricalcato” da De Mattia nella sua performance Sei metri di orizzonte di fronte a casa dei miei genitori e nelle Vedute Sbagliate di Coclite. E la linea dell’orizzonte sale sino a incontrare i paesaggi frammentati di Lucia Veronesi i cui tessuti velano simbolicamente e fisicamente la vista del reale, fatta in questo caso dagli oggetti e dagli utensili della quotidianità dei Messapi, gli antichi abitanti di questa terra, e fanno largo ad un’altra, fatta di paesaggi interiori, di desideri e dispositivi narrativi.

In cima alla struttura elicoidale del museo, nell’anfratto che ospiterà a breve una ideale immersione nello spazio sacro di una grotta salentina, l’omaggio alla Torre Trasmittente di Luigi Presicce: il video della performance in cui l’artista, nei panni di un moderno Nembrotto, fa visita al cantiere della costruzione di una torre la cui capacità di trasmissione sta per essere ampliata.Paesaggio di intrecci narrativi - di resistenze storiche per gli umani e biologiche per le specie vegetali - che hanno dato vita a storie e leggende del luogo inedite e poco conosciute nelle opere di Gabriella Ciancimino, che chiudono il percorso in dialogo con la sezione dei rituali legati alla morte.

Sta Come Torre

17 settembre- 18 ottobre 2020

Museo Castromediano Lecce (viale Gallipoli a due passi dalla stazione)

L’ingresso alla mostra è gratuito ed è possibile visitarla dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 22.00 informazioni stacometorre.it

Comunicato stampa

 

Foto di repertorio

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: News
  • Visite: 95

Attivo il nuovo distributore automatico di sacchetti per la raccolta differenziata 

È stato installato ieri presso la sede dell’assessorato all’Ambiente del Comune di Lecce, in viale Aldo Moro 30/3, il primo distributore automatico di sacchetti per la raccolta differenziata dell’umido e della plastica della città di Lecce

Il distributore è accessibile ai cittadini dal lunedì al sabato dalle ore 08.00 alle 18.00. Per utilizzarlo l’utente deve essere iscritto correttamente alla banca dati Tari del Comune di Lecce – essere dunque regolarmente tra i contribuenti Tari – ed essere in possesso della tessera sanitaria. 

Il distributore funziona inserendo la tessera sanitaria e digitando la fornitura richiesta. È possibile richiedere in una singola operazione la fornitura trimestrale o semestrale (a scelta dell’utente) sia dei sacchetti biodegradabili destinati alla raccolta dell’umido, sia dei sacchetti gialli semitrasparenti per la raccolta della plastica. 

Questo nuovo servizio automatizzato non sostituisce, ma si aggiunge, al consueto servizio a sportello per la distribuzione dei sacchetti e dei kit per la raccolta differenziata a cura di Monteco spa in Via Armando Diaz 34. 

“Andiamo incontro alla richiesta pressante da parte dei cittadini – dichiara l’assessore all’Ambiente Angela Valli – di poter accedere a più punti di ritiro dei sacchetti per la raccolta differenziata. È un primo passo, lavoreremo per farne altri. Per noi è importante essere riusciti a fornire in collaborazione proficua con l’azienda una prima alternativa a Via Diaz”. 

Comunicato stampa

 

Aggiornamento: da giovedì 5 novembre 2020 presso il mercato giornaliero di Porta Rudiae è attivo un altro distributore automatico di sacchetti per la raccolta differenziata. É possibile ritirare i sacchetti, accedendo al mercato dall'ingresso di via Manifattura tabacchi, tutti i giorni della settimana - escluso il giovedì - dalle 6.30 alle 14 e dalle 16.45 alle 20 e la domenica dalle 7.30 alle 13.30.

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.