Lecce App
  • Categoria: News
  • Visite: 116

Festival ''Metamorfosi'': musica, paesaggio e teatro

Finalmente, è partito Metamorfosi l'inedito ed unico festival che unisce musica, paesaggio e teatro a Monte San Giovanni di Giuggianello, a circa 40 Km da Lecce, nel giardino megalitico più bello di Puglia. Il festival si articola e si compone di due esperienze: MEGAPHŌNIA e SULLE TRACCE DI ERCOLE.

MEGAPHŌNIA regala l'esperienza di incontri suggestivi, la bellezza delle melodie, in uno dei posti più particolari del Salento, su Monte San Giovanni accanto all'omonima cripta bizantina.

SULLE TRACCE DI ERCOLE riprende il cammino fisico e interiore, alla ricerca della serenità e della bellezza. Il teatro e la musica saranno amici e compagni di questo straordinario percorso.

Entusiasta Giuseppe Vergari, assessore alla Cultura, Paesaggio e Turismo del Comune di Giuggianello. “Con il festival vogliamo rendere tangibile la nostra idea del ritornare a vivere nel periodo post pandemia, ma con un atteggiamento diverso, più attento verso la cura del paesaggio, della cultura, della storia ma soprattutto di noi stessi – dichiara Vergari -. L'arte è il veicolo migliore, il conduttore perfetto che dialoga direttamente con il cuore, senza mediazioni, senza filtri. Le proposte sono ricche e allo stesso modo tutte valide, ma ci è piaciuto poter iniziare con un coro di sole donne dirette da Rachele: è nato per caso, per un semplice incastro date, ma ci è piaciuto ritornare così, dare il segnale di ripartenza con il cuore ed il coro di 15 donne. Il festival non poteva che partire così, nel migliori dei modi”.

Attraverso questo festival si vuole ripartire quindi dopo un lungo periodo che ha provato tutti, e lo si vuole fare all’insegna della cultura, della musica e dell’arte. Metamorfosi rappresenta dunque la ripartenza, ma anche il cambiamento. Un cambiamento e una rigenerazione che si vogliono raggiungere attraverso i percorsi e le esperienze che avranno luogo in uno scrigno salentino sulla Serra di Giuggianello, su Monte San Giovanni, luogo suggestivo e ricco di storia, che ha ispirato da sempre miti e leggende. Percorsi e musica si intrecciano per dare il via ad un intrigante percorso che sicuramente non lascerà il visitatore come prima.

La partenza del festival è avvenuta lo scorso 6 giugno con CORO A CORO, un coro tutto al femminile, ideato e diretto da Rachele Andrioli. Coro a Coro è un laboratorio di canto polifonico in continua evoluzione per donne che amano cantare. Si attraversano musiche popolari e d'autore dal mondo, si scopre la forza terapeutica del canto. In un'epoca caratterizzata da timore, incertezza e apatia, Coro a coro vuole essere un piccolo argine dove la musica costruisce ponti, accoglie, lenisce. Coro a coro è un impasto al femminile di voci, cultura e svago.

Si proseguirà poi il 13 giugno 2021 con ALMORAIMA, prima assoluta del nuovo spettacolo “Desert Songs” nel quale una rinnovata line-up della band si spinge nell’esplorazione di nuovi mondi sonori. Un viaggio ideale tra Andalucia e Medio-Oriente, attraverso melodie e improvvisazioni, alla ricerca di un armonico incontro fra linguaggi e storie diverse, solo apparentemente distanti. Il 20 giugno 2021 la musica tradizionale del West Africa incontrerà il sound del nuovo Salento, guidati da LA RE'PE'TITION QUINTET.

Il 23 giugno invece percorreremo assieme le stradine rurali e declameremo liberamente le poesie, che più ci piacciono in collaborazione con LA SCATOLA DI LATTA in PROCESSIONI POETICHE. Il 24 giugno, festa di San Giovanni Battista, è in programma un concerto del collettivo SGUARIU. Un viaggio di andata e ritorno tra Salento e Sicilia, impreziosito per l’occasione da una delle voci più iconiche del folk italiano, Anna Cinzia Villani. Il festival continua il 27 giugno con MONOLOGHI DA BAR. Uno spettacolo, che attraverso un concerto che incornicia la voce del poeta ed attore Giuseppe Semeraro, racconta in maniera inedita e musicale il presente, attraverso la nuova scena poetica salentina. Con Leone Marco Bartolo. Il 4 luglio sarà la volta di Dario Muci, Enza Pagliara, Antonio Calsolaro e Massimiliano De Marco con BARBERIA E CANTI DEL SALENTO. Il percorso terminerà il 22 agosto con un’escursione notturna, durante la quale le stelle disegneranno il cammino da compiere lungo le strade rurali che ci portano al Monolite di Giuggianello: le performance teatrali di Fabio Rubino e la maestria musicale di Diane Peters ci guideranno tra le note dell'arpa celtica.

Tutti gli eventi sono organizzati dal Centro di Cultura sociale e di ricerche OdV di Giuggianello in collaborazione col MiMe Ecomuseo ed il Museo civico di Giuggianello, col patrocinio del Comune di Giuggianello.

Per partecipare agli spettacoli è necessario compilare obbligatoriamente, un modulo, disponibile al seguente link https://forms.gle/wh5BjoXxfcwrvgLi7 e versare un contributo di 5 euro (salvo specifiche diverse indicazioni per le singole date).

Comunicato stampa

 

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.