Lecce App
  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 150

La Ccen è il nuovo main sponsor de "La Scuola di basket Lecce''

La società di pallacanestro "La scuola di basket Lecce Associazione Sportiva Dilettantistica" da questo fine maggio 2022 ha un nuovo importante sponsor: è la Ccen.

L'azienda italiana, impegnata nel settore della progettazione fotovoltaici, attraverso il suo direttore Generale Sandro Esposito spiega, qui di seguito, la scelta di sposare il mondo sportivo della Lsb Lecce sotto canestro e oltre canestro grazie all'iniziativa di inclusione sociale "Noisiamo1".

"Quando sono stato contattato per sostenere lo sviluppo di questa iniziativa a Lecce - dichiara Esposito -, non ho avuto dubbi sul fatto che il lavoro sociale unito allo sport si coniuga perfettamente con il nostro settore della green economy. Dopo tutto, l'impegno sociale si sposa perfettamente con il nostro obiettivo aziendale di promuovere lo sviluppo di un pianeta più pulito e amichevole per tutti. È stato quindi amore a prima vista tra Ccen e Lsb Lecce".

 La sponsorizzazione comprende maglie ufficiali brandizzate, la ridenominazione della squadra in "Ccen Lsb Lecce" e la massima visibilità dello sponsor soprattutto in occasione degli eventi che perseguono l'inclusione sociale attraverso lo sport. Oltre ai tornei regionali a Lecce, sono previsti dei camp estivi di Baskin che si terranno presso il "Villaggio Lamaforca" di Carovigno (BR) dal 10 al 24 luglio 2022.

Il Baskin è un nuovo sport ispirato alla pallacanestro che permette la partecipazione attiva di qualsiasi persona senza distinzione di sesso, età, capacità tecniche, colore della pelle e abilità fisiche. Persone non disabili giocano insieme a persone disabili con handicap fisici e mentali in una squadra: una prova sportiva di inclusione di successo.

Questa sponsorizzazione fatta dalla Ccen si inserisce nell'iniziativa "CCE Care" di CCE Holding, di cui Ccen fa parte. Questa iniziativa è stata lanciata per assumersi la responsabilità sociale, soprattutto nelle sedi dell'azienda in tutto il mondo. In qualità di produttore indipendente di energia (IPP) completamente integrato, CCE Holding intende svolgere un ruolo attivo nel dare forma alla transizione energetica.

 

La redazione

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 103

Tennistavolo, l'Asd Utopia Sport promossa in C2

Il sogno è diventato realtà: la Asd Utopia Sport è sbarcata in serie C2. L’associazione presieduta da Gianpiero Turco ha ottenuto il salto di categoria domenica scorsa sul campo di gara del TT Salento diretto dal signor Francesco Ricci.

La squadra vernolese capitanata da Paolo Congedo ha terminato la stagione agonistica a margine di campionato dominato. La formazione composta da Andrea Turco, Simone Carrozzo e capitan Congedo si è avvalsa anche delle prestazioni di Gigi Mello, veterano del tennistavolo, che ha dato il suo contributo alla causa dopo quattro anni di inattività. Mello è riuscito a vincere contro Alberto Zecca del TT Salento per 3-2 al termine di una partita tirata è molto combattuta. Nel secondo incontro ha visto fronteggiarsi Paolo Congedo e Angelo Giannelli con quest’ultimo vittorioso col risultato di 3-2. Nel terzo confronto tra le due compagini, si sono affrontati Andrea Turco e il francese Branchet. I colpi tecnici e veloci di Turco hanno fatto la differenza sino al 3-1 che ha chiuso i giochi. Utopia in vantaggio sui padroni di casa, e nel quarto e decisivo match, Mello ha conquistato la vittoria contro Giannelli permettendo ad Utopia di conquistare il salto di categoria.

A promozione acquisita, Utopia ha messo il doppio sigillo con altrettanti successi ottenuti da Turco e da Congedo nel quinto e nel sesto incontro mettendo il punto di esclamativo alla gara e ad una stagione da incorniciare. 

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 106

Trofeo Optisud, a Porto Cesareo trionfano Carrieri e Chiarotti

Francesco Carrieri e Jacopo Chiarotti si sono aggiudicati la nuova edizione del Trofeo Optisud a margine della competizione velica svoltasi a Porto Cesareo, che per tre giorni ha visto la partecipazioni di oltre duecento imbarcazioni timonate dalle nuove leve della vela nella classe Optimist.

Carrieri del Circolo Vela Bari è salito sul gradino più alto della manifestazione sportiva nella divisione A, mentre Chiarotti del Centro Surf Bracciano ha primeggiato nella divisione B. I due vincitori assoluti del Trofeo Optisud hanno gareggiato nell’ambito di una tra le regate più importanti del sud Italia valevole come terza tappa del circuito Optisud, organizzata dal Circolo Nautico L’Approdo di Porto Cesareo che, in occasione dei 50 anni dalla sua nascita, ha dato vita ad un evento sportivo di pregevole fattura concentrando in tre giorni trenta circoli velici provenienti dalle regioni Campania, Lazio, Marche, Sicilia, Calabria e Puglia.

Oltre alla classifica definitiva, Francesco Carrieri ha vinto anche la terza tappa del circuito (divisione A) sbaragliando la concorrenza di Francesco Stabile del Cus Bari e di Antonio Pane della Reale Yacht Club Canottieri Savoia, giunti rispettivamente al secondo e al terzo posto. L’altro vincitore di tappa (divisione B) è stato Nicola Di Pilla della Lega Navale Italiana Pescara che, in ordine, l’ha spuntata su Jacopo Chiarotti e su ed Edoardo Giuseppe Rizzi del Circolo Velico Sferraca.

“È stata una fortuna e un grande onore, come primo anno di mandato da presidente de L’Approdo, riuscire a festeggiare i 50 anni dalla costituzione del Circolo con una manifestazione di questa portata - spiega il presidente Giuseppe De Rinaldi -. Sono molto felice e ringrazio tutti coloro che hanno sostenuto l’iniziativa. Una bella squadra che ha lavorato col fine ultimo di promuovere il territorio nel segno dei valori sportivi che guidano i ragazzi nella loro crescita. Spero di replicare il prossimo affinché il nostro circolo diventi sempre di più un punto di riferimento per la vela e per tutte le discipline sportive nautiche”.

La manifestazione è stata realizzata insieme alla Fiv VIII zona e alla Lega Navale Italiana sezione di Porto Cesareo, in collaborazione con il Comune di Porto Cesareo, l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo e il locale Centro Educazione Ambientale.

Comunicato stampa

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 124

Basket in carrozzina, Spedicato: “Gli sport paralimpici sono una risorsa. Chiediamo a tutti di sostenerci”

Fine dei giochi. La Lupiae Team Salento per il secondo anno consecutivo accarezza la Serie A.

Sabato scorso infatti al “PalaVentura” di Lecce, al termine della finale di ritorno playoff, a festeggiare la conquista per l’approdo nella massima serie del basket in carrozzina italiano, è stata la formazione romana dei Giovani e Tenaci.

Una vittoria sul campo meritata, così come sono stati meritati, nel corso di questa stagione agonistica, gli applausi alla compagine leccese (stabilito il nuovo record di vittorie consecutive: 10) che sul territorio continua a seminare con l’obiettivo di raccogliere i frutti dei tanti sacrifici fatti sin qui.

Al momento, a capire il valore della Lupiae Team Salento, sono soprattutto i tifosi che ancora una volta, superato il periodo dell’emergenza pandemia, si sono presentati in massa al palazzetto di Piazza Palio per incoraggiare fino all’ultimo secondo i gialloblu.

A tal proposito il presidente-giocatore Simone Spedicato così ha dichiarato al termine del match vinto dagli ospiti con il punteggio di 73 a 57: “Ci abbiamo provato. Purtroppo ogni anno incrociamo in finale avversari più attrezzati di noi sotto ogni punto di vista. Continueremo a lottare sperando nel sostegno degli sponsor per crescere e migliorare. Il basket in carrozzina così come tutti gli altri sport paralimpici -conclude Spedicato-  sono una risorsa. Chiediamo a tutti di sostenerci”.

Campionato di Serie A 2022/23, le città partecipanti: Bergamo, Cantù, Giulianova, Firenze, Padova, Porto Torres, Porto Potenza Picena (Macerata), Sassari, Treviso, Reggio Calabria, Roma e Varese.

Roma e Varese neopromosse in Serie A

 

 

  • Scritto da Pino Montinaro
  • Categoria: Sportivamente
  • Visite: 47

200 giovani velisti in regata a Porto Cesareo si contenderanno il trofeo Optisud

Le eccellenze della classe Optimist si sfideranno nelle acque di Porto Cesareo da venerdì 20 maggio, nell’ambito di una tra le regate più importanti d’Italia valevole come terza tappa del circuito Optisud, che caratterizzerà tutto il week end sino a domenica.

La competizione organizzata dal Circolo Nautico L’Approdo in occasione dei suoi primi 50 anni di attività, insieme alla Fiv VIII zona e alla Lega Navale Italiana sezione di Porto Cesareo, vedrà impegnare ben 200 imbarcazioni Optimist, timonate da giovanissimi atleti provenienti dalle regioni Campania, Lazio, Marche, Sicilia, Calabria e Puglia per un totale di oltre 30 circoli velici.

“Siamo orgogliosi di ospitare quest’anno in Puglia la tappa finale dell’Optisud - spiega il presidente del Comitato VIII zona Puglia Federazione italiana vela, Alberto La Tegola -. Una regata che nel panorama della vela giovanile italiana è un evento dalla tradizione importante che permette alle eccellenze di questa classe di confrontarsi in una serie di regate nelle acque dei mari Tirreno, Adriatico e Ionio. Un evento che, oltre all’aspetto agonistico, consentirà il richiamo turistico permettendo di valorizzare i mari che bagnano i Circoli velici meridionali.

Da parte del mio Comitato - prosegue -, quest’anno abbiamo voluto affidare l’organizzazione al Circolo Nautico L’Approdo di Porto Cesareo. Una realtà consolidata sul panorama nazionale che strizza l’occhio alla sostenibilità ambientale e che rappresenta una garanzia di affidabilità e grande esperienza”.

Il Trofeo OptiSud si prefigge l’obiettivo di favorire la diffusione dell’attività giovanile nel Centro Sud d’Italia della classe Optimist, incentivando il confronto sociale e tecnico fra gli atleti provenienti da tale area geografica. Da tempo sognavo di portare in casa una regata di alto livello - dichiara il direttore sportivo del Circolo Nautico L’Approdo, Gianluigi Macchia -. E finalmente quest'anno ci sono riuscito in occasione dei primi 50 anni di vela della nostra società. Organizzare un evento sportivo di questa portata richiede una passione incondizionata verso lo sport della vela, la propria società e il proprio territorio".

La manifesta sportiva è realizzata in collaborazione con il Comune di Porto Cesareo, l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo e il locale Centro Educazione Ambientale.

Comunicato stampa